Burn The Ocean «Modern Ruins» (2023)

Burn The Ocean «Modern Ruins» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
14.05.2024

 

Visualizzazioni:
153

 

Band:
Burn The Ocean
[MetalWave] Invia una email a Burn The Ocean [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Burn The Ocean [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Burn The Ocean [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Burn The Ocean [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Burn The Ocean

 

Titolo:
Modern Ruins

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Emanuele Pecollo – voce e chitarra
Fabio Palombi – voce e chitarra
Massimo Repetto - basso
Christian Parisi – batteria

 

Genere:
Post Grunge Rock

 

Durata:
37' 53"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
24.02.2023

 

Etichetta:
Argonauta Records
[MetalWave] Invia una email a Argonauta Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Argonauta Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Argonauta Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Argonauta Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagine GooglePlus di Argonauta Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Argonauta Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Argonauta Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Grand Sounds PR
[MetalWave] Invia una email a Grand Sounds PR [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Grand Sounds PR [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Grand Sounds PR

 

Recensione

Bruciano davvero l’oceano, questi Burn the Ocean dalla Liguria, alle prese con un album rock che in circa 10 tracce e poco meno di 38 minuti di musica, riescono a muoversi perfettamente tra le influenze di Rock anni 90 americano, qualcosa di grunge e southern rock, variando le loro influenze e i loro equilibri tra brano e brano, per un risultato cangiante ma anche molto divertente, tanto meglio se graziato da un senso melodico e corale che il più delle volte ci convince.
E tutto questo avviene, tuttavia, tramite un sound scarno, che già nella opener “Almost gone” si sente che punta dritto al sodo e non si perde in raffinatezze varie, con le chitarre che fanno da mattatrici del brano, e che sottolineano questo andazzo in “Precious things”, semmai rincarando ancora di più la dose. E da qui in poi le influenze variano ancora, con un paio di brani successivi meno melodici e più ombrosi, anche se dal mood piacevole e potente, frutto di un songwriting maturo. E questo è solo l’inizio, con una “Plastic wisdom” un po’ più radiofonica alternata ad una “The botch” totalmente stoner rock che poi fa spazio ad una ballad dal sound aspro. Questo è il caleidoscopio delle influenze dei Burn the ocean, che riescono nel notevole tentativo di avere un songwriting variegato senza mai trascurare una componente o l’altra del loro songwriting, il tutto per un risultato stupefacente, e che personalmente ha il picco proprio nel brano di chiusura, una “Necessary Pain” dal ritornello semplicemente riuscitissimo e che coniuga certo grunge con i graffi del southern rock.
Questo dunque è “Modern ruins” dei Burn the ocean: è un disco da avere se vi interessa il sound southern rock e grunge mischiato, o anche se volete addentrarvi in questi filoni musicali. Ben fatto.

Track by Track
  1. Almost gone 75
  2. Precious things 75
  3. Knives 75
  4. Confined 80
  5. Plastic wisdom 75
  6. The botch 80
  7. Morning light 75
  8. The ruins 70
  9. In solitude 75
  10. Necessary pain 85
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 75
  • Qualità Artwork: 75
  • Originalità: 80
  • Tecnica: 80
Giudizio Finale
77

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 14.05.2024. Articolo letto 153 volte.

 

Articoli Correlati

News
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.