Amantyde «Leavit All Behind» (2006)

Amantyde «Leavit All Behind» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Darth Ghisus »

 

Recensione Pubblicata il:
--

 

Visualizzazioni:
935

 

Band:
Amantyde
[MetalWave] Invia una email a Amantyde [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Amantyde [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Amantyde [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Amantyde

 

Titolo:
Leavit All Behind

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Andrea :: Bass, backing vocals.
Nicky :: Vocals.
Randy :: Guitar, sound effects

 

Genere:

 

Durata:
28' 38"

 

Formato:

 

Data di Uscita:
2006

 

Etichetta:

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Gli Amantyde sono una band trevigiana formatasi nel 2006 dalle ceneri dei "Misery Motel", con una variazione stilistica dall'Hard Rock con influenze Glam/Funk/Metal verso l'Alternative/Crossover/Metal.
Quando ho ricevuto il promo e ho scoperto che a cantare è una ragazza ho cominciato a temere... ATTENZIONE... NON sono maschilista e non ho NULLA in contrario alle band con componenti femminili, ma il mio timore derivava dall'abbondanza odierna di band mediocri o anche palesemente incapaci che puntano sulla presenza femminile nella speranza di poter salire sul carro dei vincitori inisieme ai nomi che recentemente hanno riscosso un considerevole successo grazie anche alle qualità delle loro frontwomen.
Bene... Non appena ho inserito il promo nel lettore ogni timore è scomparso e mi sono ritrovato ad ascoltare (piacevolmente sorpreso) il miglior lavoro che mi è capitato di recensire da quando collaboro con MetalWave.
E questa volta, a differenza di molte altre volte, la distanza fra il genere musicale proposto dalla band e i generi che prediligo, non è stata assolutamente un problema. Questo perchè "Leaveit All Behind" (sì, è scritto proprio così, non mi sono rincoglionito!!) è un bel disco, scritto bene, suonato bene ed interpretato bene.
A fugare completamente i miei iniziali timori c'è la prestazione vocale di Nicky veramente brava, espressiva e molto versatile: è in grado di spaziare da parti veramente violente ed aggressive ad altre molto melodiche e soft, senza lasciar trasparire nessun cedimento. Un'altro aspetto che colpisce è la grinta che contraddistingue questa cantante.
Per quanto riguarda gli altri membri della band rimaniamo sempre ad un livello molto superiore alla media, sia dal punto di vista qualitativo (bei suoni) sia dal punto di vista di composizione ed esecuzione. Belli, ben curati e molto efficaci i backing vocals così come tutti gli arrangiamenti
I sei brani scorrono velocemente e piacevolmente, lasciando nel sottoscritto il desiderio di inserire la funzione "Repeat" ... Desiderio alquanto raro quando ascolto il materiale da recensire... Sad But True come diceva qualcuno...
Cos'altro dire... Se proprio devo trovare un difetto a "Leaveit All Behind" devo tirare fuori la questione della batteria, che non è proprio una mossa che dimostri fair play da parte mia, ma cosa volete farci... Sono un batterista (o almeno qualcosa che dovrebbe somigliare ad un batterista) e quindi certe cose le sento in particolar modo. Ebbene... Prima di entrare in studio gli Amantyde hanno avuto dei problemi col batterista che si è separato dalla band. I ragazzi decidono comunque di andare avanti e registrare i brani con l'ausilio di una batteria elettronica. Devo fare i miei complimenti a chi ha programmato la batteria perchè ha fatto comunque un buonissimo lavoro, ma il batterista in carne ed ossa, a mio parere, dà tutta un'altra impronta all'esecuzione, al groove e all'anima delle canzoni (non sto difendendo la categoria, credo sia una opinione facilmente condivisibile).
Leggo comunque sulla pagina di MySpace della band che lo strappo è stato ricucito e quindi ora il gruppo è di nuovo al completo e pronto a supportare l'album dal vivo. Spero proprio di poterli vedere presto in un contesto live. Nel frattempo consiglio vivamente (per quanto possa contare poco un mio consiglio...) tutti (addetti ai lavori e semplici musicofili) a tener d'occhio questi ragazzi.

Track by Track
  1. Rebirth In Ice 93
  2. Leavit All Behind 93
  3. Fallen Desires 96
  4. Spitfire 92
  5. Dust Childhood 92
  6. Rockin'Fuckin'Roll 86
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 90
  • Qualità Artwork: 85
  • Originalità: 85
  • Tecnica: 90
Giudizio Finale
90

 

Recensione di Darth Ghisus » pubblicata il --. Articolo letto 935 volte.

 

Articoli Correlati

Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.