«IN BARX WE TRUST»

Data dell'Evento:
11.02.2023

 

Nome dell'Evento:
IN BARX WE TRUST

 

Band:
Cadaveric Crematorium [MetalWave] Invia una email a Cadaveric Crematorium [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Cadaveric Crematorium [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Cadaveric Crematorium [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagine GooglePlus di Cadaveric Crematorium [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Cadaveric Crematorium
Sonum [MetalWave] Invia una email a Sonum [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Sonum [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Sonum [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagine GooglePlus di Sonum [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Sonum
The Nutries
Vomito dal Tiamat
Eddy x Murphy

 

Luogo dell'Evento:
CSA Arcadia

 

Città:
Schio (VI)

 

Promoter:
D-BEAT BARI MAURO

 

Autore:
Varoots 72»

 

Visualizzazioni:
561

 

Live Report

[MetalWave.it] Immagini Live Report: Nessuna Descrizione Sabato scorso, 11 Febbraio, al csa Arcadia di Schio nell'alto vicentino, in Veneto, c'è stata una piacevolissima serata dove gli headliner erano “nientepopodimenoche”... gli storici Cadaveric Crematorium! Quando l'ho scoperto, un paio di settimane prima grazie alle info di Mirko Marchesini chitarrista dei vicentini SONUM, che erano nel bill della serata, mi son chiesto: “Ma non si erano sciolti?” Ma saranno ancora in grado di tener botta?”... Beh leggete il seguito e lo scoprirete!!!

Innanzitutto, ahimè, causa vari impegni ho perso l'esibizione della prima band EDDIE X MURPHY, di cui non posso dir nulla su di loro.

Ma subito dopo toccava ai VOMITO DAL TIAMAT, un trio voce-basso distorto-batteria, che ha cercato di scaldare il pubblico con un hardcore abbastanza banale e che, sinceramente, senza chitarra e con un vocalist mediocre, non mi sono assolutamente piaciuti.

a terza band in scaletta era THE NUTRIES, abbastanza conosciuta nel Veneto, che spinge bene sull'acceleratore sempre con suoni molto vicini al punk-thrashcore. Questi ragazzi hanno fatto il loro sporco lavoro scaldando sicuramente gli animi. Nulla di particolarmente eclatante ma divertenti!

È il turno dei SONUM, band locale, che ha dato alla luce l'anno scorso il primo album "Visceral Void Entropy". Una prestazione davvero intensa, dovuta alla particolare preparazione tecnica che questi 5 musicisti dimostrano di avere. Il genere è un death tecnico e atmosferico, fatto da passaggi quasi ambient e ipnotici, e in particolare con l' utilizzo di dissonanze, che ricordano le sonorità di band come Ulcerate e Blood Incantation. Dopo la terza volta che li vedo, devo dire che ogni volta è sempre meglio, e anche il pubblico presente li acclama (e non poco), la loro maestria viene assolutamente apprezzata, di seguito la playlist del concerto:
1 - The Poison We Create
2 - Iconoclast
3 - New Omega
4 - Feel Them Breathe
5 - The Call (intermezzo)
6 - Come Back From The Pyre

È ormai mezzanotte quando salgono sul palco i bresciani CADAVERIC CREMATORIUM, arrivati tra l'altro poco prima dell'esibizione dei Sonum. Purtroppo non c'è nemmeno il merch della band, che in molti tra presenti speravamo di trovare. Comunque non si perde tempo ed è ora di imbracciare gli strumenti e... volete sapere come è andata? Hanno devastato tutto! Una esibizione da 10 e lode! Partono in quinta e non c'è età che tenga, sembrano dei ragazzini che hanno ancora la voglia di spaccare di brutto! Purtroppo i suoni del locale non sono certo il massimo e qualche problemino col paziente e indaffarato fonico ci sono, ma questo non li ferma e sparano uno dietro l'altro senza sosta i loro brani storici e qualcosa di nuovo come "Plan 10 From the Outer space", ultimo singolo che farà parte del nuovo album in arrivo quest'anno.
Nella formazione è tornato il batterista originale Parla, poi ci sono i due folletti impazziti Willi e Ciulaz alle chitarre, l'invasato Necrom al basso, e il simpatico e pazzoide DR alla voce, che non sbaglia un colpo, coinvolgendo il pubblico con i suoi ripetuti stage diving mentre sputa fuori dal diaframma tutta la sua rabbia cosmica. Il pubblico è in delirio, pogo intensivo, qualcuno cade e si rialza, e qualche coro, seppur non si conosca il testo, si riesce a farlo tutti assieme. 13 brani eseguiti con potenza e velocità, empatia e tanta voglia di tornare sulle scene. Bellissimo il finale con "Dance of Maniac" , durante la cui esecuzione, il Singer DR invita il pubblico a salire sul palco, sul quale si scatena una moshing dance, che mi ha fatto temere per la band.. una sola parola: spettacolari!
Di seguito la playlist proposta:
1- Zombology - God Save The Dead
2 Consumed Flesh
3 Quad Damage
3 Plan 10 From The Outer Space
4 Zombiexperiment
5 Big Show
6 Jesus Virus
7 Alien Composting Putris
8 Cover Time - Don’t Cry - You Suffer
9 Emorragia
10 Brixia Chainsaw Massacre
11 The Butcher
12 Nessun Muoia
13 Dance Of Maniac

Un grande ritorno per una band che rappresenta una pagina importante del metal più estremo della nostra penisola.

 

Immagini della Serata

 

Recensione di Varoots 72 Articolo letto 561 volte.

 

Articoli Correlati

News
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.