Edenshade «The Lesson Betrayed» (2006)

Edenshade «The Lesson Betrayed» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Ernando »

 

Recensione Pubblicata il:
--

 

Visualizzazioni:
1836

 

Band:
Edenshade
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Edenshade [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Edenshade [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Edenshade

 

Titolo:
The Lesson Betrayed

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Roberto Cardinali – Drums
Lorenzo Morresi – Vocals
Daniele Tiberi – Bass
Massimiliano Wosz – Electronics
Stefano Wosz – Seven Strings Guitars

 

Genere:

 

Durata:
42' 35"

 

Formato:

 

Data di Uscita:
2006

 

Etichetta:

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Gli Edenshade si etichettano come Progressive Melodic Death ma quello che ho riscontrato è una forte presenza delle tipiche linee vocali care alla NWOAHM che, non a caso, nascono dal death scandinavo e dalle sperimentazioni che In Flames, Dark Tranquillity e Soilwork hanno effettuato nell’arco degli ultimi dieci anni. In più, vi troviamo parti smaccatamente di ispirazione progressiva e più specificatamente figlie dei Dream Theater tanto da poter pensare che il gruppo statunitense abbia scelto di cavalcare l’onda del metal moderno, con cui, ad onor del vero, si mescola a mestiere; esplicativa è Contemplate in cui, oltre alle caratteristiche succitate, in alcuni frangenti, sembra ascoltare i Korn jammare con il Teatro dei Sogni. La perizia tecnica presente nel lavoro è encomiabile, sia degli strumentisti tutti che del singer Lorenzo Morresi, capace di cambiare impostazione vocale innumerevoli volte all’interno di ogni singola canzone; forse, l’unica pecca la presenta quando canta in madrelingua dove il modo di intonare è troppo vicino a quello dei Subsonica che, a mio modesto parere, poco si amalgama con lo stile presentato dai cinque marchigiani. Questo è il caso principalmente di Insect che potrebbe risplendere come altre tracce del lotto presente sul platter ma che viene limitato dalle linee vocali troppo vicine al gruppo torinese. Ad ogni modo, nonostante la mescolanza di più sottogeneri del metal, e non solo, il risultato non è mai caotico, anche se la struttura delle canzoni non è di facile assimilazione e abbisogna di diversi ascolti affinché si possa del tutto digerire il lavoro. In più, la registrazione è stata effettuata in modo alquanto professionale da due icone del metal tricolore, Angelo Orlando e Massimiliano Pagliuso dei Novembre all’Outer Sound Studios, che rappresenta la ciliegina sulla torta per questo platter che se giustamente segnalato dagli operatori del settore può regalare significative soddisfazioni alla musica estrema italiana. Infine, la promozione è affidata alla My Kingdom Music che noto, con piacere, provenire da una manciata di Km dal mio paese di nascita e di residenza e che costituisce per me un motivo di vanto: in bocca al lupo!

Track by Track
  1. Tmesis 80
  2. That Blind 83
  3. They 86
  4. The Drop 84
  5. The Lesson Betrayed 81
  6. Contemplate 82
  7. Trust in Me 65
  8. As Water 85
  9. Insect 76
  10. Day Zer0 80
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 85
  • Qualità Artwork: 84
  • Originalità: 75
  • Tecnica: 92
Giudizio Finale
81

 

Recensione di Ernando » pubblicata il --. Articolo letto 1836 volte.

 

Articoli Correlati

Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.