Aleph «Exhumed Alive» (2017)

Aleph «Exhumed Alive» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
20.07.2017

 

Visualizzazioni:
855

 

Band:
Aleph
[MetalWave] Invia una email a Aleph [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Aleph [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Aleph [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Aleph

 

Titolo:
Exhumed Alive

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
- Dave Battaglia :: Vocals, Guitar;
- Silvano "Hypnos" Belloni :: Guitar;
- Manuel "Ades" Togni :: drums;
- Giulio Gasperini :: Keyboards;
- Antonio Ceresoli :: Bass;

 

Genere:
Dark-Death Metal

 

Durata:
45' 16"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
2017

 

Etichetta:
Autoproduzione

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Eagle Booking Live Promotion
[MetalWave] Invia una email a Eagle Booking Live Promotion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Eagle Booking Live Promotion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Eagle Booking Live Promotion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Eagle Booking Live Promotion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Eagle Booking Live Promotion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Eagle Booking Live Promotion

 

Recensione

A distanza di un anno dall’uscita dello straordinario Thanatos, tornano i bergamaschi Aleph con questo “Exhumed Alive”, un live, il primo per l’esattezza, registrato al Centrale Rock Pub di Erba, ottimale nei contenuti e nella forma se vogliamo; intendo per forma anche l’ottima registrazione, nitida come un album da studio oltre che ben strutturata a partire sia dal contenuto dei brani assolutamente impeccabili e cattivi come solo questa band sa fare. Un buona riuscita dunque questo live all’interno del quale non mancano i caratteristici richiami oscuri e misteriosi propri dello stile degli Aleph ovviamente affiancati ai potenti riff di chitarra elaborati quanto alle annesse andature in assetto vario tra moderazione e pura potenza. Indubbiamente un ruolo importate viene anche evidenziato dal synth per le realizzazione delle atmosfere dark horror sopra richiamate. Accattivante quindi risulta anche l’ottima interpretazione del cantato misto tra clean acerbo con qualche ricaduta growl. Tra i brani più belli, segnalo a mio avviso “The Snakesong”, una vera e propria mazzata sui denti dai contenuti onnipotenti anche in versione live, oltre a “Nightmare Crescendo” ottimo esempio di death metal con inevitabili richiami dark. Le, tracce pur essendo solamente otto, sono state realizzate al meglio e rappresentano senza ombra di dubbio un’altra ottima prova di come questa band sa come divertire e allo stesso tempo piacere.

Track by Track
  1. Chimera MXVI 80
  2. Intro S.V.
  3. Nightmare Crescendo 85
  4. The Snakesong 85
  5. The Fallen 75
  6. Winterlude S.V.
  7. Smoke and Steel (incl. Multitudes) 80
  8. The Old Master 80
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 80
  • Qualità Artwork: 80
  • Originalità: 80
  • Tecnica: 80
Giudizio Finale
81

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 20.07.2017. Articolo letto 855 volte.

 

Articoli Correlati

News
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.