Neverdream «The Circle» (2014)

Neverdream «The Circle» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Andreas X »

 

Recensione Pubblicata il:
29.04.2014

 

Visualizzazioni:
1309

 

Band:
Neverdream
[MetalWave] Invia una email a Neverdream [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Neverdream [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Neverdream [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina ReverbNation di Neverdream

 

Titolo:
The Circle

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Voice: Giorgio Massimi
Guitar: Giuseppe Marinelli
Bass: Andrea Terzulli
Key: Mauro Neri
Key,Sax,Programming: Fabrizio Dottori
Drums: Gabriele Palmieri

 

Genere:
Progressive Metal

 

Durata:
1h 29' 1"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
14.02.2014

 

Etichetta:
Autoproduzione

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Eagle Booking Live Promotion
[MetalWave] Invia una email a Eagle Booking Live Promotion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Eagle Booking Live Promotion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Eagle Booking Live Promotion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Eagle Booking Live Promotion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Eagle Booking Live Promotion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Eagle Booking Live Promotion

 

Recensione

I Neverdream sono una band romana attiva ormai da più di un decennio. Ci presentano il loro nuovo lavoro “The Circle”.
Fin dall’intro appare chiara, anche a chi non li conosce, la vena prog del combo capitolino, ed emerge fin da subito, pacificamente, che siamo di fronte a musicisti esperti, maturi, ispirati: le melodie sono stupende, le chitarre sono presenti ma non invadenti, e anche la scelta (coraggiosa) di inserire parti di sax si rivela azzeccata.
L’album, che vede la partecipazione di Andy Kuntz dei Vanden Plas, si snoda attraverso canzoni molto lunghe e piccoli intermezzi (piccole perle in realtà, come ad esempio “Vesta”), ed il concept su cui si basa è diventato in seguito un libro dalle tinte “noir” redatto dalla nota scrittrice di gialli Maria Teresa Valle.
La produzione è praticamente perfetta, i suoni sono mixati in maniera ineccepibile, il che permette di apprezzare maggiormente l’opera dei sei musicisti di Roma, anche alla luce del fatto che si tratta di un’autoproduzione.
“The Circle” è un album difficile. Difficile perché lungo, difficile perché unconventional. E questo è comunque un pregio, perché non si tratta del solito prog trito e ritrito, ma di qualcosa di molto, molto più ricercato e studiato. Un album difficile, come detto, ma di altissimissimo livello, che non posso non consigliare agli amanti del prog.

Track by Track
  1. Intro 65
  2. Requiem 70
  3. A Life Beyond 65
  4. Godless 70
  5. Vesta 80
  6. Hell's Flower 65
  7. Mary Jane 65
  8. The Face Of Fear 70
  9. Hypnosis 70
  10. Di Lei La Morte 75
  11. Killer Machine 65
  12. The Actor Of Blood 65
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 100
  • Qualità Artwork: 80
  • Originalità: 90
  • Tecnica: 100
Giudizio Finale
73

 

Recensione di Andreas X » pubblicata il 29.04.2014. Articolo letto 1309 volte.

 

Articoli Correlati

News
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.