AA.VV. «Hofmann's Kaleidoscope: Expiation of the Psychedelic Hunters Vol. I» (2013)

Aa.vv. «Hofmann's Kaleidoscope: Expiation Of The Psychedelic Hunters Vol. I» | MetalWave.it Recensioni Autore:
June »

 

Recensione Pubblicata il:
16.04.2013

 

Visualizzazioni:
1652

 

Band:
AA.VV.

 

Titolo:
Hofmann's Kaleidoscope: Expiation of the Psychedelic Hunters Vol. I

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Varie

 

Genere:
Acid Rock

 

Durata:
1h 17' 53"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
01.12.2012

 

Etichetta:
Vincebus Eruptum
[MetalWave] Invia una email a Vincebus Eruptum [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Vincebus Eruptum
Perkele.it
[MetalWave] Invia una email a Perkele.it [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Perkele.it
Ex Lab
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Ex Lab

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Una raccolta promossa da Perkele.it e dalla fanzine Vincebus Eruptum (che ricordiamo essere il titolo del primo album dei mastodonti Heavy Psy, Blue Cheer) non può che risultare come il compendio della crema più acida e introspettiva di tutti i gruppi pischedelici e acid rock d'Italia. Ebbene sì, quando c'è la passione anche in questo sminchiato paese si possono raggiungere dei risultati a dir poco spumeggianti. Dodici tracce per un ora e venti circa di onde lisergiche, non così nostalgiche come si potrebbe pensare, anzi, tutte, bene o male, così convincenti da far rizzare veramente le orecchie. Aprite le porte della percezione e lasciatevi guidare da un immaginario Aldous Huxley attraverso le più disparate sfumature della cosienza, attraverso tutti i modi che il rock abbia mai elaborato per sobillare la vostra mente a viaggiare. Alzate il volume più che potete e tuffatevi in questo bel mare colorato e sterminato. Dodici gruppi, si diceva, meriterebbero tutti una riga, per questo o quel motivo, ma per non correre il rischio di annoiare, e senza voler sminuire alcuno, citerò solo determinati brani.
Gli Enormous aprono le spire del pensiero con una vortice strumentale di suoni riverberati e una sezione ritmica esaltata; talvolta si sentono echi dei Goblin più maledetti di Suspiria e Witch. I Trip Hill ci mandano in paranoia con un giro infinito che solleva le polveri remote del deserto e del blues rock più tetro. Elettriche le derive beat di gruppi come My Brand Is Grass e Motopolkablacksamba. E stordenti le aperture ai limiti dello stoner di Anuseye e Clark Nova. Destabilizzante la lunga progressione liquida di ben tredici minuti degli Insider.
Sono solo quelli che ritengo sopra le righe, ma è doveroso saggiare ognuno di questi pezzi, perché nascondono passione e dedizione, nonché una propensione al viaggio mentale piuttosto notevole. Non solo per appassionati, è tutto materiale sopraffino.

Track by Track
  1. Clark Nova -Gentlemen Strat Your Engines 80
  2. Enormous - Fly Low Dragonfly 90
  3. Insider - Dark Age 80
  4. Motopolkablacksamba 75
  5. Trip Hill - Fever 80
  6. Anuseye - Thirst For A Fix 80
  7. Othei - Sea Witch 80
  8. Epstain Superflu - The War Inside Darktown 75
  9. Perizona Experiment - Santa Canapa 75
  10. My Brand Is Grass - Dolce Ginocchiata (Sui Denti) 75
  11. ZiZ - ZiZ 75
  12. No Strange - Pogaridade 75
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 80
  • Qualità Artwork: 75
  • Originalità: 75
  • Tecnica: 80
Giudizio Finale
78

 

Recensione di June » pubblicata il 16.04.2013. Articolo letto 1652 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.