U.D.O. «Celebrator» (2012)

U.d.o. «Celebrator» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
--

 

Visualizzazioni:
784

 

Band:
U.D.O.
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di U.D.O. [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di U.D.O. [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di U.D.O. [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di U.D.O. [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagine GooglePlus di U.D.O. [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di U.D.O. [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina ReverbNation di U.D.O.

 

Titolo:
Celebrator

 

Nazione:
Germania

 

Formazione:
Udo Dirkschneider :: Vocals
Fitty Wienhold :: Bass
Stefan Kaufmann :: Guitars
Igor Gianola :: Guitars
Francesco Jovino :: Drums

 

Genere:

 

Durata:
1h 46' 44"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
2012

 

Etichetta:

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

E anche Udo Dirkschneider arriva a celebrare i 25 anni della propria carriera solista con questa antologia di 25 brani in 2 cd per quasi un’ora e 50 minuti di musica, costituita da una raccolta speciale di brani contenuti in singoli ed EP, bonus tracks contenute originariamente nei cd in versione giapponese (sì perché i più giovani forse non sanno che alcune label soprattutto tedesche fanno sempre uscire il proprio cd in più di una versione, dove quella giapponese ha almeno 1 bonus track in più), versioni orchestrali di alcuni brani, riesecuzioni di alcuni brani, e alcune cover di bands storiche, come le celeberrime “Metal gods” dei Judas Priest e “Born to be wild” dei Raven.
Si può già capire solo da questo che per quanto questa release sia piena di materiale interessante, si tratta di una offerta per i fans storici della band, e magari anche per chi stravede per bands più o meno affini, quali ad esempio Accept e Judas Priest, ma chi è nuovo a questo genere musicale risulterà disorientato. Sì perché se da un lato non mancano canzone dure ed efficaci come “Stormbreaker”, “Tallyman” o “borderline”, oltre a brano già celebri come “Dancing with an angel”, eseguita in duetto con la non meno famosa Doro Pesch, non si può negare che ci sono altri brani non brutti, ma sinceramente molto fini a sé stessi, come ad esempio la trascurabile versione per pianoforte e voce di “Balls to the walls”, “Tears of a clown” e “Platchet Soldat”, mentre le cover sono carine, ma anche in questo caso non storiche: “Metal gods” dei Judas Priest” e “Born to be Wild” sono due brani assolutamente stellari e ben riproposti dagli U.D.O., ma le versioni originali sono quanto meno imbattibili, poco da dire.
Certo, per delle canzoni così abbiamo anche X-T-C, la risuonata “Azrael”, “Run!” e tante altre canzoni belle che rendono il cd appetibile, ma ripetiamo: non consigliato ai rookies di questo genere a causa del fatto che questo cd è una evidente offerta ai die-hard fans del gruppo. A chi non lo è, l’acquisto di questo cd è comunque consigliato, magari affiancandovi qualcos’altro di questa band, tipo un “best of”. Il voto finale è pressoché riservato a chi è già fan di questo genere musicale.
25 anni, non sentirli e scrivere la storia meglio di altre bands più vecchie ma che magari si sono riformate e in molti di quegli anni sono state ferme… avanti così ragazzi. A tutto gas.

Track by Track
  1. Stormbreaker ("Rev-Raptor" Japan Bonus) 75
  2. Tallyman (Taken from the "Rev-Raptor" recording session) 75
  3. Run! (Remix) 75
  4. Free Or Rebellion (Bonus "Leatherhead" Single) 70
  5. Bleeding Heart ("Dominator" Japan Bonus) 70
  6. The Silencer (Taken from the "Dominator" recording session) 80
  7. Bodyworld (Bonus "Infected" Single) 75
  8. Systematic Madness (Bonus "Infected" Single) 70
  9. Head Over Heels (Hammerfall feat. Udo Dirkschneider) 65
  10. Balls To The Wall (Piano Version) 60
  11. Artificialized (Taken from the "Mastercutor" recording session) 75
  12. They Only Come Out At Night (Lordi feat. Udo Dirkschneider) 60
  13. Streets Of Sin (Bonus "Wrong Side Of Midnight" Single) 75
  14. Tears Of A Clown ("Classical Version") 65
  15. Man A King Ruler ("Mastercutor" Japan Bonus) 65
  16. Hardcore Lover (Remix from "24/7" - Single) 65
  17. Scream Killers (Bonus "24/7" Single) 70
  18. Platchet Soldat (Remix featuring Faktor2) 65
  19. Borderline ("Thunderball" Japan Bonus) 80
  20. Dancing With An Angel (Remix featuring Doro) 80
  21. X-T-C (Remix from "A Tribute To ACCEPT Vol. 2") 75
  22. Azrael (Remix from "No Limits") 75
  23. The Key (Remix from "No Limits" Japan Bonus) 75
  24. Metal Gods (from "A Tribute To Judas Priest") 70
  25. Born to be Wild (Raven featuring Udo Dirkschneider) 70
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 80
  • Qualità Artwork: 80
  • Originalità: 75
  • Tecnica: 80
Giudizio Finale
72

 

Recensione di Snarl » pubblicata il --. Articolo letto 784 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.