Fliptop Box «Anxiety's Manifest» (2012)

Fliptop Box «Anxiety's Manifest» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Mad Curtis »

 

Recensione Pubblicata il:
--

 

Visualizzazioni:
355

 

Band:
Fliptop Box
[MetalWave] Invia una email a Fliptop Box [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Fliptop Box [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Fliptop Box [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Fliptop Box

 

Titolo:
Anxiety's Manifest

 

Nazione:
Grecia

 

Formazione:
John-Vocals,guitars
Cptain Frikis-Drums,vocals
Vaggelis-Bass

 

Genere:

 

Durata:
43' 27"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
2012

 

Etichetta:

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Quello dei greci Fliptop Box è un alternative metal particolare; entusiasma per tante cose e avvilisce per tante altre. Danzig fa scuola anche in Grecia anche se a tratti il cantante sembra volerlo emulare eccessivamente. Ma è la sua voce e ce ne facciamo una ragione. Ma dove finisce Danzig e riesco a percepire un barlume di Faith no More allora capisco che stimolando le giuste note al gruppo si può avere un prodotto completo e innovativo. Per il resto si alternano tempi dispari a ritornelli melodici, mitragliate di batteria e ritmiche piene che “fischiano” correttamente. Spesso la voce è troppo effettata e le linee a tratti deludono perché banali e ripeto quasi assimilabili ad un tributo Misfits.
Anxiety’s Manifest è un disco recitato, raccontato e i Fliptop Box sono un gruppo dalle grandi potenzialità ma probabilmente avrebbero bisogno di una produzione dignitosa, statunitense per fare il salto di qualità e scrollarsi di dosso fantasmi che li intrappolano in un sound forse vecchio privo dell’evoluzione necessaria per poter sfondare oggi come oggi. Mi auguro di sbagliarmi ovviamente, ma sono certo che lavorando su idee nuove con le indubbie qualità che hanno gioverà loro e gli darà sicuramente più visibilità.
Da cancellare Withered Dreams dal disco, un pezzo senza senso, registrato male, suonato, male, cantato male con invana ricerca di sonorità deftoniane decisamente non nelle loro corde. Stona.
Per il resto un disco anonimo con brani troppo simili tra loro sia per la struttura che per le singole partiture.
Da rivedere cantato (ricerca di personalità e soprattutto tanta pronuncia) , chitarre troppo uguali sulla lunga durata, basso inesistente. Salvo il batterista che egregiamente sostiene il gruppo ma che dovrebbe dare qualcosa in più anche sulle voci , opera non semplice, lo ammetto.
Ad ogni modo buona fortuna ai Fliptop Box, e alla prossima puntata!

Track by Track
  1. Lost 70
  2. Scarface God 75
  3. Stoned side boy 70
  4. Wings 65
  5. Close my eyes 60
  6. Withered dreams 20
  7. Invasion 50
  8. Bury your dead(in me) 60
  9. Pray 60
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 80
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 50
  • Tecnica: 70
Giudizio Finale
62

 

Recensione di Mad Curtis » pubblicata il --. Articolo letto 355 volte.

 

Articoli Correlati

News
  • Spiacenti! Non sono disponibili altre notizie correlate.
Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.