Essenza «Devil's Breath» (2011)

Essenza «Devil's Breath» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Zoro »

 

Recensione Pubblicata il:
--

 

Visualizzazioni:
1265

 

Band:
Essenza
[MetalWave] Invia una email a Essenza [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Essenza [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Essenza [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Essenza [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Essenza [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina ReverbNation di Essenza

 

Titolo:
Devil's Breath

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Carlo G. Rizzello (chitarra/voce)
Alessandro S. Rizzello (basso/seconda Voce)
Paolo Colazzo (batteria)

 

Genere:

 

Durata:
32' 0"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
2011

 

Etichetta:

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Siamo alla terza uscita per gli italiani Essenza, e i passati rock della band convergono sempre più verso lidi metallici, che ci propone trenta minuti di un hard rock pesante ma che cerca l’orecchiabilità, orientato sul mid-tempo, le cui influenza principali sono la solennità elettrica dei Black Sabbath e i Megadeth nelle loro prove in studio meno thrash. Il risultato si lascia ascoltare con enorme piacere, regalando un lotto di brani vario e trasversale, che tocca il rock in più o meno tutta la sua storia (la prima traccia è ricca di riff degni di un Tony Iommi, l’ultima è praticamente rock ‘n roll). Probabilmente il pregio maggiore del combo leccese è questo loro essere una vera rock band, un saper muoversi con grande abilità nel genere, e nel saper cogliere gli aspetti migliori dell’Heavy Metal e integrarli nel proprio sound. Così passaggi groovy e martellanti si alternano ad assoli a la Van Halen con naturalezza, stupendo spesso e annoiando quasi mai, creando anzi un bel contrasto tra pesantezza e melodia.
Purtroppo questo riuscito collage di stili, ha il gran difetto di essere, appunto, un collage, e gli appassionati del genere più navigati potrebbero storcere il naso davanti ad una così sfacciata operazione di amarcord. Altro difetto è la voce del cantante, che ogni tanto zoppica sulla pronuncia inglese, o manca della giusta intensità, o tenta troppo di imitare Dave Mustaine. Nonostante questo, il suo lavoro è più che buono, e perfettamente integrato nel suono complessivo del gruppo.
Album consigliato a tutti quelli che rimpiangono le sonorità dei begli anni che furono, interpretate con personalità da musicisti del 2000.

Track by Track
  1. devil's breath 65
  2. deep into your eyes 70
  3. (universe) in a box 75
  4. edge of collapsed world 70
  5. dance of liars 70
  6. rock 'n' roll blood 60
  7. fighting the wind 65
  8. flying acrobats 70
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 70
  • Qualità Artwork: 65
  • Originalità: 70
  • Tecnica: 80
Giudizio Finale
69

 

Recensione di Zoro » pubblicata il --. Articolo letto 1265 volte.

 

Articoli Correlati

News
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.