Viridanse «Hansel, Gretel e la Strega Cannibale» (2017)

Viridanse «Hansel, Gretel E La Strega Cannibale» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
27.08.2017

 

Visualizzazioni:
676

 

Band:
Viridanse
[MetalWave] Invia una email a Viridanse [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Viridanse [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Viridanse [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Viridanse [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Viridanse [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina ReverbNation di Viridanse [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina SoundCloud di Viridanse

 

Titolo:
Hansel, Gretel e la Strega Cannibale

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Flavio Gemma :: Bass
Enrico Ferraris :: Guitars
Gianluca Piscitello :: Vocals
Erik Nalin :: Drums

 

Genere:
New Wave / Post Punk / Alternative / Psychedelic Post Rock

 

Durata:
1h 0' 29"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
2017

 

Etichetta:
Autoproduzione

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Molto interessante quest’album nuovo degli Alessandrini Viridanse, che ci propongono un’ora di musica che suona molto diversa dagli inizi della loro carriera. Sì perché in questo “Hansel, Gretel e la strega Cannibale” i Viridanse allungano di molto la durata dei brani fino a farla rasentare anche gli 11 minuti, aggiungendo un tocco che personalmente trovo parecchio progressive, essendo le canzoni dotate di una struttura aperta, che esulano spesso dalla forma canzone.
Eppure, nonostante una a volte eccessiva lunghezza nella prima e nell’ultima canzone, il risultato funziona. Il mood viene costruito lentamente all’interno delle canzoni, con un feeling spesso vicino anche all’alternative, e che però riesce a rimanere stabile per tutta la durata delle canzoni senza temerne la durata, e il tutto avviene con piccole ma significative variazioni, come più impatto e potenza nella seconda canzone e più atmosfera nella terza, o un feeling più teso per tutto il tempo della quarta canzone, fattore che caratterizza anche la quinta canzone finché non arriva un break dove la band spezza totalmente la tensione, mostrando di avere cura per i particolari e di avere la capacità di concretizzare un mood e non abbandonarlo mai per tutta la durata dell’album, anche quando la struttura si fa più ossessionante eppure easy listening, come nella giù citata quinta canzone, “Aria”, probabilmente la migliore del lotto in quanto capace di dimostrare al meglio il polimorfismo sonoro di questi ragazzi.
Un disco a mio avviso parecchio consigliato per gli amanti delle cose complesse e non metal ma atmosferiche, specialmente se (come nel mio caso) per voi atmosferico non significa per forza “post”.

Track by Track
  1. Hansel, Gretel e la strega cannibale 75
  2. Arkham 80
  3. Alle montagne della follia 75
  4. Scomunica 85
  5. Aria 85
  6. Il grande freddo 75
  7. Madre terra 80
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 80
  • Qualità Artwork: 75
  • Originalità: 85
  • Tecnica: 80
Giudizio Finale
79

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 27.08.2017. Articolo letto 676 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.