Sedna «Eterno» (2016)

Sedna ĢEternoģ | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
09.10.2016

 

Visualizzazioni:
858

 

Band:
Sedna
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Sedna [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Sedna [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Sedna

 

Titolo:
Eterno

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
- E. Motta :: Bass, voice;
- M. Zoffoli :: Drums;
- A. Crisafulli :: Guitar, voice;

 

Genere:
Experimental Black Metal

 

Durata:
49' 57"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
29.10.2016

 

Etichetta:
Wooaaargh!

Icore Produzioni

Drown Within Records
[MetalWave] Invia una email a Drown Within Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Drown Within Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Drown Within Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Drown Within Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Dopo un lavoro d’esordio con sonorità black metal veloci, aspre e taglienti, ritroviamo oggi i Sedna, provenienti dalla provincia di Cesena, con questo loro nuovo lavoro intitolato “Eterno”, all’interno del quale sin da subito emerge un più che evidente cambio di rotta diretto non più tanto su sonorità in puro black metal ma su contesti più introspettivi dai tratti decisamente moderati e forgiati con sonorità depressive- malinconiche tendenti ad inghiottire sempre di più l’ascoltatore all’interno del proprio vortice oscuro e pessimista. I quattro brani realizzati, che racchiudono gli oltre quaranta minuti di ascolto, in definitiva lasciano quell’impressione di estenuante esasperazione che si alterna tra ritmiche prevalentemente moderata a contesti accelerati all’interno del quale il discreto scream disperato non lascia possibilità di allontanamento da contesti tristi e strazianti. “Pillars of Creation P. 1” e il successivo “Pillars of Creation P. 2” rappresentano l’inizio di questo lavoro all’interno dei quali, in entrambi i brani a prendere immediatamente il sopravvento sono le sonorità rauche generate da arpeggi di chitarra distorti a cui viene ad amalgamarsi un basso, ottimale nella sua risoluzione, che unificato alle predette, da vita ad uno straziante e nebbioso contesto sonoro infernale fatto di contesti post black che ben fanno presa sull’ascoltatore nelle loro alternanze sonore, dai tratti stratificati ma complessivamente ben elaborati; nel secondo dei due capitoli, di poco più di sette minuti di ascolto, a fare decisamente la differenza, è l’incredibile lavoro della chitarra capace di passare da situazioni tirate ad altre più pacate all’interno delle quali lo scream vocale cristallizza con il suo gelo ogni cosa dando luogo ad ulteriore freddezza e decadenza che si proiettano di riflesso sul brano contestualmente a ritmiche alternate le une con le altre in un post black introspettivo con tratti oscuri, sinistri e deliranti; il successivo “ Mountains of Creations”, proietta l’ascoltatore in una iniziale quanto surreale atmosfera fatta di batteria lentissima e note di chitarra quasi soffuse decisamente oscure; la parte cantata appare delirante, disperata, non esiste possibilità di salvezza, la fine è pressoché scontata; un brano ricco anche sotto il profilo strumentale vario nei contenuti che ben alterna i contesti più euforici con il post black più tetro e oscuro che mai. L’ultimo brano è “Eterno”, brano esclusivamente strumentale e sinistro, al limiti del drone, fatto questa volta con elettronica e campionatori. Un disco complessivamente ben riuscito, il trio, anche se proiettato su questo nuovo orizzonte più sperimentale rispetto al precedente lavoro, sa ottimamente generare contesti strumentali maligni, depressivi e dall’effetto oscuro e tenebroso.

Track by Track
  1. Pillars of Creation P. 1 70
  2. Pillars of Creation P. 2 70
  3. Mountains of Creations 80
  4. Eterno 75
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 70
  • Qualità Artwork: 75
  • Originalità: 75
  • Tecnica: 75
Giudizio Finale
74

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 09.10.2016. Articolo letto 858 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.