Sedna «Last Sun» (2022)

Sedna «Last Sun» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
29.10.2022

 

Visualizzazioni:
591

 

Band:
Sedna
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Sedna [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Sedna [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Sedna

 

Titolo:
Last Sun

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
- ALEX CRISAFULLI - CHITARRA E VOCE
- FABION DUTAJ - CHITARRA
- LUCA TEBALDI - BATTERIA
- MANUEL ZANOTTI - BASSO

 

Genere:
Post Black Metal

 

Durata:
21' 53"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
14.10.2022

 

Etichetta:
Drown Within Records
[MetalWave] Invia una email a Drown Within Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Drown Within Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Drown Within Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Drown Within Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Kairos Promotion
[MetalWave] Invia una email a Kairos Promotion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Kairos Promotion

 

Recensione

I Sedna rilasciano il loro nuovo Ep “Last Sun” che sin da subito si presenta come un’evocazione proiettata nell’infinito, forte di sonorità post metal capaci di offrire un costante mutamento di scenari proiettati verso l’ignoto. Le due tracce dell’Ep, che prettamente si presentano come strumentali, tolti alcuni passaggi in scream che danno sempre una valida e coesa prova anche dell’essenza e della completezza della nuova formazione, inscenano contesti atmosferici tetri e non poco suggestivi. Le tracce del lavoro si caratterizzano per lo più in un intenso lavoro del synth in cui ritmiche talora soffuse alternate a momenti di tirati e compatti fanno tutto il resto. Anche i suoni della chitarra ben si collimano con l’intensità del cantato sempre espressivo a al massimo coinvolto nel proprio credo, risultano crudi ma coesi e allo stesso tempo immancabilmente lugubri; le due tracce sono come i due capitoli di un libro che immancabilmente hanno degli elementi in comune ma che parimenti risultano, soprattutto nella parte centrale e finale diversificati e, in particolare il secondo, maggiormente potente e d’effetto. In ogni caso, la band ha collaudato anche la presenza di ospiti tra elementi di Gaerea, Downfall Of Gaia, Ottone Pesante ed altri che hanno collaborato con i loro interventi e con il proprio personale estro a rendere ancor più singolare il disco che, come abbiamo lasciato già intuire, riesce a regalare emozioni dal diverso impatto ma che potrebbero sfociare con un full lenght in un qualcosa di ancor più accattivante e personalizzato.

Track by Track
  1. Act. II 70
  2. Act. I 65
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 70
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 65
  • Tecnica: 70
Giudizio Finale
68

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 29.10.2022. Articolo letto 591 volte.

 

Articoli Correlati

News
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.