Dominance «XX: The Rising Vengeance» (2016)

Dominance «Xx: The Rising Vengeance» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
30.06.2016

 

Visualizzazioni:
1113

 

Band:
Dominance
[MetalWave] Invia una email a Dominance [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Dominance [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Dominance [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Dominance [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Dominance

 

Titolo:
XX: The Rising Vengeance

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
- Massimiliano Marri :: vocals;
- Gabriel Cavazzini :: rhythm and lead guitar;
- Luca "Pell Ach" Alzapiedi :: rhythm guitar;
- Saverio Rossi :: bass guitar;
- Davide Tognoni :: drums

 

Genere:
Death metal

 

Durata:
50' 17"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
08.07.2016

 

Etichetta:
Sliptrick Records
[MetalWave] Invia una email a Sliptrick Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Sliptrick Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Sliptrick Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Grand Sounds PR
[MetalWave] Invia una email a Grand Sounds PR [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Grand Sounds PR [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Grand Sounds PR

 

Recensione

Terza fatica per i Dominance che reclamano vendetta con questo nuovissimo “XX: The Rising Vengeance”; il lavoro sin da subito pone l’ascoltatore dinanzi ad una situazione che lascia ben trasudare una certa esperienza tecnico compositiva non trattandosi di una band all’esordio. Ed infatti i Dominance, formatisi nel lontano 1992, mettono tutta la propria energia dentro questo lavoro al punto da riconoscere numerose fonti di ispirazione che vanno dai Lamb of God sino ai Meshuggah ma che in ogni caso danno quella giusta carica esplosiva che l’ascoltatore va a ricercare in generi come questo e soprattutto nei gruppi più militati. Il sound potente, ritmiche alternate tra esasperazione e tecnica, offrono quel giusto equilibrio tra modernità e passato capace di rendere decisamente piacevole il lavoro nei suoi contenuti. Ed infatti sin dall’intro strumentale “XX” si assiste ad una più che collaudata sinergia della band offrendoci una ritmica introduttiva moderata e di buon livello; ciò viene ulteriormente confermato da “Journey to a New Life” un brano misto tra death e thrash, decisamente tecnico nelle andature e nei passaggi; ottima la performance growl e i numerosi refrain delle chitarre che si susseguono l’uno con l’altro. “This is War” scattante sin da subito come una molla presenta una ritmica nuovamente tecnica nell’esecuzione grazie all’ottimo lavoro dietro le pelli e agli incredibili fraseggi delle due chitarre; sempre sulla stessa linea d’onda sotto il profilo tecnico è la successiva “Into the Fog” dall’apertura un po’ più moderata del precedente pur sempre imperando quella vena aggressiva del death metal anche nei contesti più armonici; “Twisted” non cala certamente la tensione generando nel brano un contesto forse più decretabile in un death core; la successiva “Dear Next Victim” apre con gli ormai consueti e collaudati passaggi tecnici con i quali la band ama fare colpo senza strafare ma colpendo in attrattività e relativa piacevolezza compositiva; il brano offre anche momenti più moderati dove la parte cantata assurge a connotati più scream e meno growl; decisamente ottimo il lavoro delle chitarre nelle varie alternanze e negli orecchiabili refrain; “Breathless” e il successivo “Just a Reflection” brani sempre decisamente potenti nell’architettura sonora e ovviamente nel propria genetica distruttiva; il primo forse ricorda abbastanza i Lamb of God, mentre il secondo con la sua apertura quasi heavy metal si concentra successivamente su andature incredibilmente d’effetto; “Time to Play” sembra concentrarsi nella sua buona struttura più sul death metal classico ricordandoci in alcuni passaggi forse gli intramontabili Death e in conclusione i Meshuggah per i loro psichedelici e improbabili arpeggi; “Rise Again” con arpeggio e lead annesso d’inizio, sviluppa la propria successiva andatura con l’immancabile tecnicismo, bilanciato al punto giusto e come sempre d’impatto. Un disco veramente valido che dimostra che le band più datate come i Dominance possono continuare camminare tranquillamente e decisamente a testa alta.

Track by Track
  1. XX 80
  2. Journey to a New Life 80
  3. This is War 80
  4. Into the Fog 80
  5. Twisted 75
  6. Dear Next Victims 80
  7. Breathless 85
  8. Just a Reflection 85
  9. Time to Play 80
  10. Rise Again 80
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 80
  • Qualità Artwork: 75
  • Originalità: 80
  • Tecnica: 85
Giudizio Finale
80

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 30.06.2016. Articolo letto 1113 volte.

 

Articoli Correlati

News
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.