Australasia «Notturno» (2015)

Australasia «Notturno» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
23.12.2015

 

Visualizzazioni:
1025

 

Band:
Australasia
[MetalWave] Invia una email a Australasia [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Australasia [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Australasia [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Australasia [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina SoundCloud di Australasia [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Australasia

 

Titolo:
Notturno

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Gian Spalluto :: Everything

 

Genere:
Instrumental / Blackened Post-Rock / Shoegaze / Vintage Electronica

 

Durata:
37' 13"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
2015

 

Etichetta:
Autoproduzione

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Secondo album per il progetto strumentale post rock shoegaze chiamato “Australasia” che in questo “Notturno” ci regala, a scapito del nome dell’album e come invece una fiabesca cover lascia presagire, una manciata di canzoni tranquille, solari e pacate.
Tanti sono i trabocchetti in cui Gian, il musicista coinvolto, poteva cadere, ovvero ad esempio le lungaggini musicali, oppure una eccessiva e sterile auto referenziazione ripetuta in tutto l’album, ma fortunatamente “Notturno” è esente da questo e per capirlo basta ascoltare “Eden” e le sue particolarmente azzeccate note di synth, o la struggente “Kern”, davvero piacevole e con un vero e proprio trasporto all’interno di essa, e la stessa annotazione va fatta per “Invisibile”, l’unica canzone con un po’ di cantato, che però è costituito da semplici ma riusciti vocalizzi di accompagnamento, mentre nella coda dell’album è possibile rimarcare una “Amnesia” dapprima più mossa e poi subito più lenta e crepuscolare, e che sfrutta soluzioni acustiche, e una curiosa title track – outro per sola tastiera che sfodera uno stile abbastanza debitore a Chopin, ed è proprio quest’ultimo strumento la vera marcia in più dell’album, che regala ariosità a tutto l’album ed evitando che sia troppo astratto o un rincorrersi tra effetti di chitarra. Non male, in un genere dove a volte i suoni contano più della sostanza.
Insomma: “Notturno” è intelligente e ricercato, non un rincorrersi casuale di arpeggi o di riffs insensati, e lo apprezzo anche perché non ha neanche una goccia di “blackened” in qualsiasi forma. Meglio così. Disco consigliabile per gli amanti di qualsiasi etichetta musicale che cominci con “post”.

Track by Track
  1. Nebula - Intro 75
  2. Eden 75
  3. Kern 75
  4. Creature 70
  5. Invisibile 80
  6. Haxo - Intermezzo 75
  7. Amnesia 75
  8. Lumen 70
  9. Notturno 75
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 75
  • Qualità Artwork: 75
  • Originalità: 80
  • Tecnica: 75
Giudizio Finale
75

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 23.12.2015. Articolo letto 1025 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.