Australasia «Vertebra» (2013)

Australasia «Vertebra» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Carnival Creation »

 

Recensione Pubblicata il:
18.11.2013

 

Visualizzazioni:
1280

 

Band:
Australasia
[MetalWave] Invia una email a Australasia [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Australasia [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Australasia [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Australasia [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina SoundCloud di Australasia [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Australasia

 

Titolo:
Vertebra

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Gian – Instruments

 

Genere:
Post- Rock / Post-Metal / Shoegaze / Ambient

 

Durata:
35' 2"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
30.09.2013

 

Etichetta:
Immortal Frost Productions
[MetalWave] Invia una email a Immortal Frost Productions [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Immortal Frost Productions [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Immortal Frost Productions [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Immortal Frost Productions [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Immortal Frost Productions

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Con molto piacere mi ritrovo a distanza di un anno il progetto Australasia che avevo conosciuto con l’EP di debutto ‘Sin4tr4’ e che mi aveva saputo donare vibrazioni positive. La one-man-band capitanata da Gian Spalluto è tornata con ‘Vertebra’, un disco estremamente intimo fatto di composizioni evocative al massimo e sorrette da un perenne Post-Rock/Shoegaze semi totalmente strumentale sul quale si innestano piacevoli spunti di elettronica, pad, synth, sequenced lead ma anche piccoli “scorci” di metal estremo o meglio pattern dello stesso sotto forma di blast beat di batteria, chitarre distorte senza eccedere per un’atmosfera generale che sa di romantico e di suadente anche grazie a delle female vocals di tutto rispetto (‘Aura’ ma anche ‘Apnea’).
Chiaramente il tutto, alle lunghe può trasmettere forse un po’ di noia se non avete approcciato a “Vertebra” nel modo corretto ovvero con uno stato d’animo del tutto leggero e senza mettere le mani avanti. Che il ‘Post-‘ ci abbia già mostrato moltissime chitarre pulite che arpeggiano all’infinito è ormai cosa già vista ma cercare di estendere il tutto verso ambientazioni veramente comunicative è un altro paio di maniche, una sfida vinta dal progetto Australasia, per altro collettivo di musicisti a rotazione che collaborano spinti dalla passione per la musica.
Non troverete brani chissà quanto spinti o di schizzata matrice, tutt’altro. C’è una linea morbida che abbraccia questi 35 minuti trasformandoli in un’esperienza addirittura da meditazione, se proprio vogliamo dirla tutta.
Ancora una volta gli Australasia hanno mostrato di che pasta son fatti. Consigliato.

Track by Track
  1. Aorta 70
  2. Vostok 70
  3. Zero 70
  4. Aura 75
  5. Antenna 75
  6. Volume 70
  7. Vertebra 75
  8. Apnea 75
  9. Deficit 65
  10. Cinema 70
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 80
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 70
  • Tecnica: 70
Giudizio Finale
71

 

Recensione di Carnival Creation » pubblicata il 18.11.2013. Articolo letto 1280 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.