Doomraiser «Reverse (Passaggio inverso)» (2015)

Doomraiser «Reverse (passaggio Inverso)» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
02.06.2015

 

Visualizzazioni:
1227

 

Band:
Doomraiser
[MetalWave] Invia una email a Doomraiser [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Doomraiser [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Doomraiser [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Doomraiser

 

Titolo:
Reverse (Passaggio inverso)

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Cynar :: vox
Montagna :: guitar
Serpico :: guitar
BJ :: bass
Pinna :: drums

 

Genere:
Doom Metal

 

Durata:
52' 13"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
13.01.2015

 

Etichetta:
Bloodrock Records
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Bloodrock Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Bloodrock Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Metaversus - Press & Promo
[MetalWave] Invia una email a Metaversus - Press & Promo [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Metaversus - Press & Promo

 

Recensione

Ridendo, scherzando e bevendo, i Doomraiser sono arrivati addirittura al loro quarto album, per una carriera che, insistendo e insistendo, li vede ormai tra i nomi più di spicco del doom italiano. Non troppo metal e non troppo doom, i Doomraiser stanno proprio nel mezzo di questo coacervo di influenze, e stavolta ci dona questo “Reverse” (Passaggio Inverso) che condensa 6 canzoni lunghe e tenebrose, con alcune influenze come il violino di “Mirror of pain” o il clavicembalo della terza canzone, che donano sfumature horror alla loro musica, aiutate anche da una struttura dei brani imponente e austera, come soprattutto “In Winter”, così come solenne è “Dio inverso”, la canzone conclusiva. Solo “Apophis” mostra un andamento più tipicamente stoner, che è anche la più easy listening e la più breve di tutte, per un risultato dunque di un album pressoché scevro da difetti, maturo e credibile, che predilige uno stato d’animo dei brani ringhiante e anche spettrale, ma mai particolarmente aggressivo né troppo diretto in faccia. Il risultato è estremamente counicativo e riuscito; e chi ne dubitava, sinceramente, vista la band di cui stiamo parlando?
Normalmente scrivo a chi potrebbe essere interessante questo cd, ma con i Doomraiser sinceramente non mi pare il caso: la band è nota, la si potrebbe definire una delle band più note nel panorama moderno, e quindi dovreste conoscerla già. Ottimo album.

Track by Track
  1. Addiction 80
  2. Mirror of pain 80
  3. Ascension: 6 to 7 85
  4. Apophis 80
  5. In winter 85
  6. Dio inverso (Reverse) 80
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 85
  • Qualità Artwork: 80
  • Originalità: 80
  • Tecnica: 80
Giudizio Finale
81

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 02.06.2015. Articolo letto 1227 volte.

 

Articoli Correlati

News
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.