EX «Cemento Armato» (2015)

Ex «Cemento Armato» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
30.04.2015

 

Visualizzazioni:
1147

 

Band:
EX
[MetalWave] Invia una email a EX [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di EX [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di EX

 

Titolo:
Cemento Armato

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
- Roby Mancini :: voce;
- Stefano Pisani :: chitarra;
- Gabriele “Ago” Agostinelli :: basso, voce;
- Yari Borin :: batteria

 

Genere:
Spaghetti Rock

 

Durata:
58' 35"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
2015

 

Etichetta:
Andromeda Relix
[MetalWave] Invia una email a Andromeda Relix [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Andromeda Relix [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Andromeda Relix [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Andromeda Relix

 

Distribuzione:
GT Music Distribution
[MetalWave] Invia una email a GT Music Distribution [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di GT Music Distribution

 

Agenzia di Promozione:
GDC Rock Promotion
[MetalWave] Invia una email a GDC Rock Promotion

 

Recensione

Nuovo lavoro per i veronesi EX che ci dilettano con questo lavoro dal titolo “Cemento Armato”; la band, all’attivo dal 1997 e composta da musicisti di livello nazionale, ci propone una musica in stile Hard Rock made in Italy al 100% anche per i testi che, come può evincersi anche dal titolo del disco, sono scritti e cantati in Italiano. Ispirandosi per la maggiore ad una sonorità rock anni ’70, gli EX hanno comunque sviluppato e personalizzato un sound che, alle orecchie dell’ascoltatore, appare grintoso, eccentrico e coinvolgente. Questo stile lascia in ogni caso intendere che questa band non ama dipendere da nessuno e va avanti dritta per la propria strada; nello stesso tempo si percepisce una sorta di odio nei confronti di tutti quegli elementi esterni alla band che, in qualche modo, possono influenzarne o condizionarne l’operato a cominciare dalle etichette discografiche tanto per intenderci. Per quanto concerne i brani, tutti con tematiche attinenti a situazioni di disagio periferico, all’insofferenza per il perbenismo e per l’ipocrisia, alla passione per la musica, alla vita della strada, sono nella loro semplicità in grado di trasmettere in maniera molto diretta il messaggio che ne è insito. Passando ad un esame delle song proposte, si parte con un bell’intro rappresentato dal brano d’apertura “Fino all’Altima Goccia di Sangue” realizzato con un basso che sembra andare in punta di piedi per non svelarci il successivo “Weekend” che in realtà parte con un intrigante Hard’n’Roll con un bel riffettone carico di aggressività che fa venire voglia di saltare soprattutto nei momenti in accelerata; il successivo “E’ Lontana Mezzanotte” si apre con un riff che a poco a poco si lascia intensificare dall’andamento della ritmica che appare in definitiva coordinata e divertente; con “Cane Bastardo” si ha un inizio che sembra avvicinarsi un po’ agli intramontabili Led Zep ma nel complesso il brano rimane sulle sue senza incentivarsi troppo; la successiva “La Legge Siamo Noi” parte con un bel rock ritmato a tosto che si alterna con un piacevole ritornello in arpeggio distorto che lascia una bella impressione. “Sfiorando Icaro” sempre con un avvincente rock, propone un sound con alcuni stacchi di drum ben fatti e concilianti che sollevano ulteriormente l’andatura forse un po’ monotona di questo brano; “Il Re” con una ritmica iniziale soft prende ben presto corpo e ti carica grazie al sorprendente lavoro della chitarra in distorto; la successiva “Se fosse Vero” brano nel complesso lento più concentrato sul messaggio contenuto nel testo; molto hard rock l’intro de “L’Urlo” brano con andamento lento ma che piace perché è pronta a scattare da un momento all’altro; brano, nel complesso ben composto. E’ poi la volta di “I Shot the Chef” brano bizzarro sin dall’intro che con la sua ritmica caratteristica dell’hard rock rende impossibile lo stare fermi durante l’ascolto. Il lavoro si conclude con “Marziani” con un intro che quasi bestemmia quando la voce registrata della signora dice che il Rock è rumore, fastidio…!?!?; a spazzare via questa eresia è una ritmica tutt’altro che fastidiosa che parte con un riff arrabbiato come un cane pronto a mordere per quanto proferito e segue con un avvincente ritmo che piace. Coinvolgente lavoro, carico di messaggi, di iniziative e di voglia di farci divertire con un rock seriamente suonato alla vecchia maniera.

Track by Track
  1. Fino all'ultima goccia disangue 65
  2. Weekend 75
  3. E' Lontana Mezzanotte 70
  4. Cane Bastardo 65
  5. La legge siamo noi 75
  6. Sfiorando Icaro 75
  7. Il Re 70
  8. Se Fosse Vero 75
  9. L'Urlo 75
  10. I Shot the Chef 70
  11. Marziani 75
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 75
  • Qualità Artwork: 65
  • Originalità: 80
  • Tecnica: 75
Giudizio Finale
72

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 30.04.2015. Articolo letto 1147 volte.

 

Articoli Correlati

News
Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti