Vengeance «Crystal Eye» (2012)

Vengeance «Crystal Eye» | MetalWave.it Recensioni Autore:
carnival creation »

 

Recensione Pubblicata il:
--

 

Visualizzazioni:
371

 

Band:
Vengeance
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Vengeance [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Vengeance [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Vengeance

 

Titolo:
Crystal Eye

 

Nazione:
Olanda

 

Formazione:
Leon Goewie :: Vocals
Keri Kelli :: Guitar
Chris Glen :: Bass
Chris Slade :: Drums

 

Genere:

 

Durata:
44' 19"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
2012

 

Etichetta:

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Il nome “Vengeance” molto probabilmente non dirà nulla ai giovani rampolli cosiddetti metalheads dell’ultima generazione ma per tutti gli altri, coloro che si sono mangiati l’hard rock e l’heavy metal d’annata, c’è qualche possibilità per la quale questa band dei Paesi Bassi non suoni nuova.
Nati nell’ormai lontano 1983, il quartetto ha subito tante e importanti trasformazioni di formazione ma rappresenta senza ombra di dubbio una di quelle band che di musica buona ne ha fatta, e molta anche, specialmente agli inizi della loro carriera.
Passano gli anni ed i nostri decidono che è tempo di tornare a farsi sentire con un nuovo studio-album, “Crystal Eye” per l’appunto, confezionato secondo i canoni propri del genere (la copertina ottantiana ad esempio) e prodotto con una cognizione di causa spaventosa; la pecca principale è che i nostri sembrano usciti da una macchina del tempo che li ha trasportati direttamente nel 2012 e compiendo un balzo temporale in avanti senza curarsi dei trenta anni ormai trascorsi per cui nulla di originale né nuovo comparirà all’interno di “Crystal Eye”.
Mettetevi tranquillamente il cuore il pace poiché questo disco non è né un capolavoro né un disco di cui posso consigliare l’acquisto ai metallari in generale, anzi, il mio pensiero va direttamente agli amanti del vecchio stile AC/CD, influenza che fa da padrona per tutti i tre quarti d’ora del disco (anche grazie al fatto che dietro le pelli siede un certo Chris Slade).
La band capitanata dal grande Leon Goewie (in gran forma per altro) è composta anche dal chtiarrista Keri Kelli (ex Alice Cooper) e dal bassista Chris Glen (ex Michael Schenker Group) quindi già il fatto che il tutto non mi sia suonato granché estroso ed energico mi è piuttosto dispiaciuto.
Resta il fatto, tuttavia, che “Crystal Eye” segna l’unione di quattro bestie dello strumento e, sebbene il tutto non possa che passare quasi inosservato quanto a prodotto finito rappresenta una testimonianza importante di quanto amore ci può ancora essere impiegato nel rock, in quello vero, senza troppi fronzoli, quello che genera brani mediamente tirati come “Whole Lotta Metal” o ballad passionali come “Promise Me” e “Missing” oppure per quanto riguarda le intrusioni progressive della title-track che si lascia apprezzare.
Non è umanamente possibile bocciare un lavoro del genere né tantomeno starò qui a farlo io. Ok, non è nulla di speciale ma in macchina è un disco più che buono.

Track by Track
  1. Me and You 60
  2. Bad To The Bone 65
  3. Barbeque 65
  4. Shock Me Now 65
  5. Five Knuckle Shuffle 70
  6. Desperate Woman 50
  7. Whole Lotta Metal 60
  8. Promise Me 60
  9. Crystal Eye 75
  10. Missing 70
  11. Jans End Piece 45
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 85
  • Qualità Artwork: 60
  • Originalità: 50
  • Tecnica: 85
Giudizio Finale
64

 

Recensione di carnival creation » pubblicata il --. Articolo letto 371 volte.

 

Articoli Correlati

News
Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.