Violentor «Violentor» (2011)

Violentor «Violentor» | MetalWave.it Recensioni Autore:
June »

 

Recensione Pubblicata il:
--

 

Visualizzazioni:
1167

 

Band:
Violentor
[MetalWave] Invia una email a Violentor [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Violentor [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Violentor [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Violentor

 

Titolo:
Violentor

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Ale - guitar, vocals
Betta - guitar
Ricca - bass
Rasha - drums

 

Genere:

 

Durata:
29' 24"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
2011

 

Etichetta:

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

I Violentor sono il risultato di una semplice operazione: estremizzare il sound grezzo, ruvido, sporco e alcoolico dei Motorhead; e che cosa succede? Beh, la storia dell'heavy metal ci insegna che la NWOBHM si unì all'hardcore e divenne thrash metal. E loro vogliono proprio darci un assaggio di questo ripasso di storia. Se l'apertura di “Too Loud” e “Genocide” (per citare due pezzi) sono pezzi di Lemmy sotto anfetamina, con voce straziata ed esasperata, “Awakened In Death” ci stacca l'osso del collo a colpi di Slayer e Bay Area, senza troppi fronzoli. “Dismissis The Evil” invece sembra un po' più tedesca e mi ha ricordato i Sodom più scanzonati; “F.Y.I.” Per citare un'ultima traccia è un brano speed eccessivo che non può non chiamare in causa i Megadeth degli esordi. Non aspettatevi di trovare qualche raffinatezza (il rutto in apertura di “My Stomach Strong and Fit” vi fermerebbe!), qui si punta dritti: “live fast, die young, born to lose, live to win, burn in hell thrashspeedcore” senza compromessi.
Band come queste sono nate per la dimensione live, dove possono esprimere tutte le loro qualità di aggressione fisica, di volume spaventoso e distorsioni ustionanti, di valvole di fuoco e litri di birra in un pogo senza pietà; un'incisione di questo tipo è solo un riassunto veloce di quello per cui si va ad un concerto metal.
Giusto per essere completi, questo album non offre proprio nulla di nuovo (...e mi sa che era chiaro...) e nessuna concessione tecnico compositiva, ma sprigiona una grande carica, che aspetta solo una testa che si sbatta su e giù. Molto divertente, ma sono sicuro che è dal vivo che questa roba trita il cervello!

Track by Track
  1. Too Loud 60
  2. Awakened In Death 70
  3. My Stomach Strong and Fit 60
  4. Genocide 60
  5. We Hate All 60
  6. Sycophant 60
  7. Dismiss The Evil 65
  8. F.Y.I. 65
  9. Go To Hell 60
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 70
  • Qualità Artwork: 65
  • Originalità: 50
  • Tecnica: 65
Giudizio Finale
62

 

Recensione di June » pubblicata il --. Articolo letto 1167 volte.

 

Articoli Correlati

News
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.