Nagyrev «The Inner Eve» (2008)

Nagyrev «The Inner Eve» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Cynicalsphere »

 

Recensione Pubblicata il:
--

 

Visualizzazioni:
879

 

Band:
Nagyrev
[MetalWave] Invia una email a Nagyrev [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Nagyrev [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Nagyrev

 

Titolo:
The Inner Eve

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Karmen Santamaria - vocals
Annalisa S. - guitars
Daniela De Martino - bass
Simone Gallo - drums

 

Genere:

 

Durata:
28' 2"

 

Formato:

 

Data di Uscita:
2008

 

Etichetta:

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

A distanza di ben cinque anni dalla precedente prova in studio “Unbearable Verity”, già recensita su queste pagine, tornano a farsi vive le salernitane Nagyrev, arrivate con il qui presente “The Inner Eve” al tanto sospirato traguardo del full-lenght d’esordio, edito sotto la neonata label partenopea Alternative Records.
Di acqua sotto i ponti del quartetto campano ne è passata parecchia e, a differenza del recente passato, la band oggi si presenta alle nostre orecchie maggiormente sicura sia dei propri mezzi che delle sue potenzialità. Notevoli sono stati infatti i miglioramenti sotto il profilo tecnico, soprattutto in una sezione ritmica precedentemente troppo deficitaria che ora, con l’innesto di Simone Gallo dietro le pelli, risulta molto più affiatata e compatta. Anche il song-writing ha subito una profonda innovazione, lasciando da parte le seminali influenze nu-metal delle origini per aprirsi verso un metal moderno e ricco di spunti eterogenei, dal crossover all’alternative rock, fino a qualche sprazzo di metalcore e swedish-thrash.
Rimane dunque invariata quella vena aggressiva che aveva caratterizzato fin dagli inizi l’approccio musicale delle Nagyrev. E l’attacco di “The Inner Eve” ne è, oltre che una conferma, un’ulteriore evoluzione. Veloce, dinamica e violenta, “True Type” non lascia scampo con il suo incedere tirato tipicamente scandinavo. Una partenza davvero in quarta, dove fin da subito si nota la potenza e la precisione della sezione ritmica Gallo/De Martino ed il notevole lavoro svolto dalla chitarra di Annalisa, intenta a macinare riff massicci e fluidi brano dopo brano. C’è però dell’altro che caratterizza “The Inner Eve” e che è rimasto una costante del song-writing “nagyreviano”: come per “Unbearable Verity”, anche qui le nostre si divertono ad infarcire i loro pezzi di frequenti aperture melodiche, che rallentano l’iniziale aggressività, per dare maggiore respiro all’ascolto. La differenza rispetto al passato è che gli arrangiamenti sono molto più curati ed il risultato di tali “esperimenti” già di suo raggiunge buoni livelli. Ma è con l’innesto di un registro vocale suggestivo ed evocativo che si raggiunge l’eccellenza ed è qui che Karmen interviene a dare man forte. La prova al microfono della front-girl campana risulta infatti ineccepibile nelle parti pulite, in cui si denota grande ispirazione e personalità. Non si può dire però lo stesso di quelle più aggressive, in cui non basta supperire con rabbia e grinta a deficit tecnici ancora piuttosto evidenti. Il tentativo di alternare voci clean e semi-scream rimane comunque da apprezzare, anche alla luce del fatto che, tolto un particolare sicuramente migliorabile, “The Inner Eve” si assesta tutto sommato su livelli compositivi discreti, maturi quanto basta per far meritare all’album qualcosa di più che un semplice ascolto. Canzoni come “Sol(y)d” o “P.N.G.” farebbero sicuramente la gioia di chi in un sound roccioso e dirompente cerca anche un certo retrogusto melodico e ricercato.
In definitiva, forse è ancora presto per parlare di maturità artistica definitivamente raggiunta, ma per l’impegno e lo sforzo profuso su “The Inner Eve”, le Nagyrev hanno certamente compiuto un grosso balzo in avanti per raggiungere quest’obiettivo. Il potenziale artistico c’è e le qualità per risultare ancor più compatte in futuro pure. Rimane solo da perfezionare qualcosina, ma il giudizio finale per ora non può che essere positivo.

Track by Track
  1. Loverlayed (Intro) 65
  2. True Type 85
  3. Bush Of Thorns 75
  4. Candles 70
  5. Sol(y)d 85
  6. P.N.G. 75
  7. Bad Habits (Instrumental) 70
  8. The Inner Eve 75
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 80
  • Qualità Artwork: 80
  • Originalità: 65
  • Tecnica: 75
Giudizio Finale
75

 

Recensione di Cynicalsphere » pubblicata il --. Articolo letto 879 volte.

 

Articoli Correlati

News
  • Spiacenti! Non sono disponibili altre notizie correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.