Blindead «Autoscopia: Murder In Phazes» (2008)

Blindead «Autoscopia: Murder In Phazes» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Carnival creation »

 

Recensione Pubblicata il:
--

 

Visualizzazioni:
805

 

Band:
Blindead
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Blindead [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Blindead [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Blindead

 

Titolo:
Autoscopia: Murder In Phazes

 

Nazione:
Polonia

 

Formazione:
Nick :: Vocals
Deadman :: Guitar
Havoc :: Guitar
Konrad :: Drums
Zvierzak :: Bass
Hervy :: Soundscapes + Samples

 

Genere:

 

Durata:
60' 0"

 

Formato:

 

Data di Uscita:
2008

 

Etichetta:

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Qualcuno li cataloga nel Progressive Doom e qualcun’altro invece nel Post-Metal..e il sottoscritto?
Molto probabilmente in entrambi viste le molteplici influenze che i nostri mischiano nel loro singolare (e ricercato) genere.
E’ un viaggio e più precisamente un trip di un’ora spaccata dentro di noi, dentro a quelle emozioni che faticheremmo ad esternare se non esistessero mezzi di sublimazione così dannatamente esatti, opportuni quasi estremi per così dire.

Un capolavoro a mio parere, da gustare in completa solitudine, a luci soffuse e perché no? Con qualche incenso acceso per non parlare delle candele.
Qualcosa da non vivere a freddo, né completamente sobri, magari con qualche bicchiere di birra in più che con una buona dose di lucidità. Non che io mi sia ubriacato per ascoltarli, beninteso, ma ho ben chiaro come vanno ascoltate queste robe qui.
Si, potrei parlare ore dei ritmi pesanti a passo d’elefante, delle atmosfere oscure, malate e visionarie, dei riff e fraseggi pressoché perfetti e di come è cantato in modo assolutamente…perfetto sì, ma poi ? vi toglierei tutto il gusto di ascoltarlo, di viverlo.
Fidatevi, è una cosa da sperimentare, da ascoltare a ripetizione lasciandosi andare; è un’esperienza da vivere, e ve lo dico nella più giusta e normale serenità possibile.

Ovvio, non è musica per tutti ma solo per coloro che sanno apprezzare determinate sonorità ricercate, sperimentali a livelli quasi estremi, ma senza rischiare il pacchiano, per cui coloro che amano la musica (metal e non) veloce, distruttiva, gore e “io adoro Satana, faccio le corna e brucio 5 chiese al giorno” se ne mantenessero alla larga per la serie “lungi da me”.
Sparateveli in cuffia e vi si aprirà un mondo…

Track by Track
  1. Phaze I (Enlightenment) 90
  2. Phaze I (Abyss) 88
  3. Phaze II (Symmetry) 92
  4. Phaze II (Phenomena) 90
  5. Phaze III (Blood Bond) 95
  6. Phaze III (A Nice Night For a Walk) 95
  7. Phaze IV 89
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 80
  • Qualità Artwork: 0
  • Originalità: 85
  • Tecnica: 80
Giudizio Finale
80

 

Recensione di Carnival creation » pubblicata il --. Articolo letto 805 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.