Intervista Flash: Methedras

Methedras è il nome di una nuova realtà che va ad inserirsi nella multiforme e tumultuosa scena metal italiana. ha intervistato per voi i ragazzi del gruppo: sentiamo come la pensano!!!

 

[MW] Visto che siete alla prima intervista in questo sito, perché non presentate ai nostri lettori quando ed in che modo avete iniziato il vostro percorso nel mondo underground?

Andrea :: I Methedras sono una thrash metal band fondata nel 1996 da Andrea (basso) e Massimiliano (chitarra ritmica); in pochi anni entrano a far parte del gruppo anche Claudio (voce), Eros (chitarra solista) e Carlo (batteria). Lo spirito da cui tutto è partito si basava e si basa tutt'ora sulla convinzione di proporre un sound in cui fossero ben miscelate (ma evidenti) sonorità moderne unite al tipico stile nordamericano del thrash bay-area.
Guardandoci alle spalle, possiamo affermare che ci stiamo solo ora "timidamente" incamminando verso quello che è il nostro obiettivo, ma dobbiamo anche essere sinceri con noi stessi e non possiamo certo nascondere che la strada è ancora lunga e che proprio ora inizia la parte più difficile del viaggio.

[MW] Da quali generi e bands è influenzato il gruppo?

Andrea :: Le nostre influenze spaziano dal thrash nordamericano a quello teutonico, passando per alcune varianti death-thrash. I nostri principali gruppi di riferimento rimangono comunque quelli tipici della bay-area statunitense. I nomi che ci sentiamo di fare, giusto per dare un'idea ai lettori della nostra proposta, sono: Megadeth, Slayer, Death Angel, Exodus, Nuclear Assault, in particolare TESTAMENT, passando anche per Death e Sepultura.

[MW] So che potrebbe non essere facile farlo, ma potreste commentare il vostro ultimo lavoro?

Andrea :: Col passare degli anni siamo maturati nel songwriting e abbiamo sviluppato una maggiore attenzione nella ricerca dei suoni e quindi nella produzione dei nostri lavori. Grazie al nostro nuovo disco ci aspettiamo che gli addetti ai lavori e il pubblico di nicchia possano finalmente apprezzare quell'impatto musicale che ci hanno sempre riconosciuto tutti ma che fino ad ora era sempre stato relegato ad una dimensione live, a causa di evidenti difficoltà produttive.
Soprattutto durante gli ultimi tre anni, abbiamo raccolto molti pareri positivi e buone recensioni che hanno contrubuito a migliorare e perfezionare il nostro stile, senza mai farci perdere di vista l'obiettivo prefisso anni fa: non smettere mai di divertirci nel proporre musicalmente il nostro modo di vedere questa realtà, a volte così piatta e vuota.
Raggiungere una "confezione" artistica che racchiudesse tutto quello in cui abbiamo creduto strenuamente e protetto dalle enormi difficoltà di suonare metal in Italia, non rappresenta oggi per noi soltanto il coronamento di sforzi notevoli e il raggiungimento di un sogno avuto anni fa, ma soprattutto l'acquisizione di una sorta di sicurezza in noi stessi e nelle nostre capacità, e la percezione di una forza d'animo e unione di gruppo tali che hanno permesso traguardi fino a qualche mese fa impensabili.

[MW] La scena metal underground è indubbiamente inflazionata da tantissmi gruppi, per cui (spesso) risulta necessario presentare delle composizioni che si facciano notare nel marasma delle varie scene musicali. Ritenete che le vostre canzoni abbiano da dire qualcosa in più o di diverso da quello che è già stato detto nell'affollatissimo mondo metal?

Andrea :: I nostri testi parlano fondamentalmente di temi quotidiani: gli incubi ricorrenti (DARKNESS), la mancanza di fede (THE DENIED GOD), l'abbandono dei minori (L.R.S.), l'instabilità della mente (MY INIQUITY WHIRL), ecc. Ogni testo dovrebbe essere interpretato liberamente e in modo del tutto personale, senza essere travisato, in quanto noi crediamo nella musica come mezzo per esprimere la propria creatività, senza vincoli alla libertà di comunicazione, esternando semplicemente le proprie convinzioni musicali.

[MW] Cosa pensate del panorama underground nazionale?

Andrea :: La scena underground è molto viva e si sta espandendo lentamente, ma inesorabilmente, in tutta Italia.
Esistono molte realtà decisamente valide, che non aspettano altro che la possibilità di potersi esprimere appieno. Personalmente ritengo che un sano spirito competitivo debba sussistere, affinchè le band abbiano la spinta a migliorarsi e a dare sempre il massimo, sia in studio che su palco.
Ritengo che questa "fratellanza" metal alla fine esista, e la dimostrazione sono piccoli festival, destinati però, secondo me, ad assumere sempre più importanza e forza (si pensi a come è nato il Wacken Open Air e cosa è diventato oggi, a distanza di 15 anni).... alla fine ho potuto constatare che fortunatamente c'è più cooperazione che concorrenza, ripensando anche alla nostra esperienza con il Titans of Thrash...

[MW] La carriera di un gruppo musicale (pur breve che possa essere) è sempre costellata di avvenimenti più o meno positivi. Cosa vorreste cancellare e cosa ricorderete per sempre della vostra esperienza di gruppo, dagli inizi inizi sino ad ora?

Andrea :: Sicuramente uno dei momenti più memorabili è stata la vittoria al Battle of the Metal Bands contest sponsorizzato da Metallus.it e Metal Hammer: è stata un'esperienza molto importante che speriamo darà molti frutti nel prossimo futuro, durante la quale abbiamo potuto suonare insieme ad altre band italiane molto valide.
L'episodio da cancellare invece riguarda uno dei live più alcolici mai visti nella storia del metal!! Durante un concerto in un piccolo locale, le cose non sono andate molto bene... suoni sporchi, la nostra performance assolutamente vergognosa, finchè non accade il peggio: il nostro chitarrista ritmico cade dal palco rovinando (con tanto di chitarra a tracolla) contro i primi tavoli di fronte allo stage!!! Fortunatamente nessuno si è fatto male... ma da allora abbiamo deciso fermamente di non alzare troppo il gomito prima di un concerto........ ma giusto poco prima!!!

[MW] Come giudicate il veicolo "internet" per la promozione della scena musicale?

Andrea :: GRANDIOSO!!! Semplicemente... un incredibile e potente mezzo di comunicazione che mette in relazione persone ed eventi lontanissimi tra di loro.... lo usiamo sempre, e si può fare praticamente di tutto.... unico problema è che ha anche aumentato l'insorgere del fenomeno della pirateria... ma su questo si dovrebbe aprire un'altra grossa parentesi..

[MW] Visto che ne stiamo parlando.... quanti CD originali acquistate ogni mese? E quanti ne ascoltate?

Andrea :: Mah... tra tutto il gruppo avremo una media mensile di 1 o 2 CD... non tanti, ma buoni!!!! A parte gli scherzi, ci piace molto il thrash ovviamente, e ci concentriamo su questo genere.... anche se in realtà alla fine ascoltiamo centinaia di CD al mese... tutta roba vecchia, anche vinili o cassette, spaziando in quasi tutti i generi musicali...

[MW] Cosa vuole fare il vostro gruppo "da grande"?

Andrea :: Le nostre ambizioni sono semplici e chiare: suonando principalmente per il nostro piacere personale, cercando di dare cioè un corpo musicale alle visioni che abbiamo, al nostro personale modo di percepire la realtà (ma forse è soltanto un'incubo unico?), l'unica vera ambizione è quella di condividere questa nostra propensione pessimistica alla vita e alla realtà con chiunque senta forte in lui la stessa inquietudine, e sappia così cogliere dai nostri testi e dalle nostre canzoni tali sensazioni.
A livello pratico, ci piacerebbe avviare una massiccia e capillare campagna promozionale in supporto al nuovo disco, unita alla pianificazione, attraverso le diverse agenzie di booking e management live che ci stanno seguendo, di una serie di concerti estesi a tutta la penisola e magari anche oltre.
Organizzare la seconda edizione del "Titans of Thrash", manifestazione non a scopo di lucro, che ha l'intento di promuovere e valorizzare la scena underground thrash metal italiana: la prima edizione si è conclusa lo scorso ottobre ed è stata un grosso successo (con Endless Pain, Autopsia, Vexed, Eviscerate, Aneurysm e noi); per la seconda edizione faremo le cose in grande, quindi aspettatevi un sacco di novità e sorprese!!!

[MW] Ok, ragazzi! Lo spazio a nostra disposizione sta per terminare, ma voglio lasciarvi carta bianca per l'ultimo messaggio. A voi la parola, siete liberi di esprimervi!

Andrea :: Beh, ringraziamo per l'opportunità e speriamo che la ns proposta musicale possa incontrare presto il favore di critica e pubblico su larga scala, grazie anche all'aiuto di tutte quelle persone che ci supportano costantemente...... a big thrashin' hail dai METHEDRAS a tutti i lettori di METALWAVE!!!!!!

Intervista di Jerico Articolo letto 978 volte.

 


Articoli Correlati

News
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.