Inverno MCMXCII «In Extremis» (2021)

Inverno Mcmxcii «In Extremis» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Sabba Maledetto »

 

Recensione Pubblicata il:
16.05.2022

 

Visualizzazioni:
370

 

Band:
Inverno MCMXCII
[MetalWave] Invia una email a Inverno MCMXCII [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Inverno MCMXCII [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Inverno MCMXCII [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Inverno MCMXCII

 

Titolo:
In Extremis

 

Nazione:
Italia / Australia

 

Formazione:
Maurizio Piras, chitarra, basso e tastiere
Robin Stone, batteria

 

Genere:
Death Metal Melodico Estremo

 

Durata:
17' 44"

 

Formato:
EP

 

Data di Uscita:
16.11.2021

 

Etichetta:
Autoproduzione

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Disco molto particolare quello degli Inverno MCMXCII che debuttano nel 2021 con In Extremis, album composto da 4 tracce tutte esclusivamente… strumentali!
Esatto, proprio così: il disco degli Inverno MCMXCII si compone di quattro tracce tutte particolareggiate per la totale assenza di voce e che invece si concentra molto sulla tecnica degli strumenti del suo musicista e fondatore Maurizio Piras.
La chitarra produce un suono armonico particolare, arpeggi molto morbidi solitamente nelle prime parti delle tracce, ma che mutano improvvisamente in riff veloci e decisi intervallati ogni tanto da vivaci assoli melodici da lasciare a bocca aperta.
La batteria è dura ma non troppo, altamente ritmata e coordinata con il sound della chitarra con una precisione notevolmente metodica ed accurata in particolar modo nell’uso del doppio pedale che si abbatte sulla cassa ad una velocità supersonica soprattutto nella canzone In Extremis.
Un accenno speciale va fatto poi nell’uso del sintetizzatore: in singolar modo nella traccia Absentia, crea un’atmosfera molto interessante, tenuta viva da ritmiche serrate che contrastano piacevolmente con le corde della chitarra in questo mix di tecnica e virtuosismo sonoro.
Un album di difficile recensione ed anche di difficile ascolto se non si hanno le competenze giuste nel mondo della musica, ma se si butta l’orecchio con più attenzione è ugualmente possibile rendersi conto dello straordinario talento di Maurizio Piras come un polistrumentista in grado di trasmettere la sua passione agli ascoltatori e che riesce a far viaggiare in questo mondo interamente creato da lui attraverso la sua straordinaria abilità nel domare assoli ed arpeggi facendo di quest’album un autentico capolavoro del death metal melodico.

Track by Track
  1. Petrichor 70
  2. Absentia 75
  3. In Extremis 75
  4. Transcendence 75
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 80
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 80
  • Tecnica: 90
Giudizio Finale
76

 

Recensione di Sabba Maledetto » pubblicata il 16.05.2022. Articolo letto 370 volte.

 

Articoli Correlati

News
  • Spiacenti! Non sono disponibili altre notizie correlate.
Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.