The Splitheads «New King» (2021)

The Splitheads źNew King╗ | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
06.02.2022

 

Visualizzazioni:
249

 

Band:
The Splitheads
[MetalWave] Invia una email a The Splitheads [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di The Splitheads

 

Titolo:
New King

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Benedetto Zanaboni :: Vox and guitar
Andrea Raffaelli :: Bass, backing vocals
Antonio Viggiani :: Drums, backing vocals

 

Genere:
Rock / Stoner

 

Durata:
30' 21"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
30.03.2021

 

Etichetta:
Autoproduzione

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Rock My Life
[MetalWave] Invia una email a Rock My Life [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Rock My Life [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Rock My Life [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Rock My Life [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Rock My Life

 

Recensione

“New king” dei The Splitheads è il secondo disco di circa mezz’ora, che consiste semplicemente in una decina di canzoni rock con diverse venature punk e qualcuna più stoner, visto che qua e là si sente spesso l’influenza dei Queens of the Stone age, il tutto per un risultato tanto cazzone e schietto, quanto anche un po’ fine a sé stesso.
Infatti, l’ascolto di “New king” rivela una band che non vuole cambiare la storia, ma solo farti passare un po’ di tempo in loro compagnia e all’insegna del divertimento, sia quando si va sul rock vagamente boogie di “Special one”, sia quando affiorano le influenze dei Queens of the Stone Age in “Surf your life” e “Munchhausen”, un brano un po’ folle ma comunque divertente. Poi certo: alcuni brani si somigliano, “Away” è un abbozzo di canzone mica tanto comprensibile e “Self determinate” è un mid tempo che francamente non funziona tanto visto che questa band va meglio quando è più pazzerella, ma non importa più di tanto: i The Splitheads non vogliono innovare, vogliono solo farvi divertire, per cui prendiamo questo disco per quello che è: un punk/rock con venature stoner senza pretese né particolari velleità.

Track by Track
  1. Special One 65
  2. Night fight 65
  3. Surf your life 65
  4. Self determinate 60
  5. New king 60
  6. Munchhausen 65
  7. Phoenix 65
  8. She 65
  9. Pieces of a miracle 65
  10. Away 55
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 65
  • Qualità Artwork: 60
  • Originalità: 65
  • Tecnica: 65
Giudizio Finale
63

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 06.02.2022. Articolo letto 249 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.