Psychotropic Transcendental «... lun yolina un yolina the Dar-davogh ...» (2018)

Psychotropic Transcendental ... Lun Yolina Un Yolina The Dar-davogh ... | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
27.06.2019

 

Visualizzazioni:
163

 

Band:
Psychotropic Transcendental
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Psychotropic Transcendental [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Psychotropic Transcendental

 

Titolo:
... lun yolina un yolina the Dar-davogh ...

 

Nazione:
Polonia

 

Formazione:
- kvass :: Voice;
- kumala :: Guitars;
- chrzaniec :: Bass;
- gnat :: Drums

 

Genere:
Progressive Rock / Metal

 

Durata:
1h 18' 13"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
13.05.2018

 

Etichetta:
Autoproduzione

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Heavision
[MetalWave] Invia una email a Heavision [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Heavision [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Heavision

 

Recensione

Come già precedentemente anticipato nel corso della recensione della prima parte di questo doppio disco dei polacchi Psychotropic Trascendental ci occupiono ora del nuovo lavoro “... lun yolina un yolina the Dar-davogh ...” un nove tracce di post progressive rock che contengono diversi elementi in comune con “Ax Libereld” ( l’unico disco uscito nel 2001) a cominciare dai soavi passaggi musicali su cui insiste un clean molto espressivo ma pur sempre abbastanza sobrio nei contenuti; immancabili nelle alternate andature, spesso molto rock, qualche momento espresso in growl, nella modalità che tanto più piace alla band. Ritmicamente il disco è abbastanza creativo e l’ora e un quarto abbondante di ascolto ne è in sostanza la riprova. Momenti più o meno articolati si alternano ad altri abbastanza ipnotici in pieno clima post rock capaci di lasciare un effetto tutt’altro che monotono; rispetto al primo disco “Ax libereld” indubbiamente ciò che manca è quella vena più spinta che in alcuni contesti si alternava al cullarsi di un rock piuttosto pastoso. Il genere musicale, anche spesso se vogliamo di una non facile collocazione, contiene come particolarità anche contenuti linguistici inventati ovvero non appartenenti a nessun tipologia di lingua definita dalla band var-inath. Orbene un disco sperimentale, appartenente a mondi e luoghi diversi e inesistenti ma forse anche solamente passati ed oggi catapultato ai giorni nostri per essere destinato ad un pubblico di più ampie vedute musicali. Un ascolto suggerito ma assolutamente soggettivo nell’interpretazione.

Track by Track
  1. Mahad Lavor sa zax 70
  2. Luvan daar quorkugh 70
  3. lun yolina un yolina thu Dar davog 75
  4. Lavor ni termaned 75
  5. Iin Varandhaar iin Badenath mahad Karviin 70
  6. Float wid xeruaned Rattha 75
  7. Zig Il saghar iin Il saghar 75
  8. Wid Arra float 70
  9. Hoxathilag 70
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 75
  • Qualità Artwork: 75
  • Originalità: 70
  • Tecnica: 75
Giudizio Finale
73

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 27.06.2019. Articolo letto 163 volte.

 

Articoli Correlati

News
  • Spiacenti! Non sono disponibili altre notizie correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.