Psychotropic Transcendental «Ax libereld...» (2001)

Psychotropic Transcendental Ax Libereld... | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
23.06.2019

 

Visualizzazioni:
127

 

Band:
Psychotropic Transcendental
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Psychotropic Transcendental [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Psychotropic Transcendental

 

Titolo:
Ax libereld...

 

Nazione:
Polonia

 

Formazione:
- Kumala :: guitars;
- Chrzaniec :: bass;
- Gnat :: drums;
- K vass :: vocals;

 

Genere:
Progressive Rock / Metal

 

Durata:
57' 10"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
2001

 

Etichetta:
Autoproduzione

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Heavision
[MetalWave] Invia una email a Heavision [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Heavision [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Heavision

 

Recensione

Uscito nell’ottobre 2001 ed oggi rimasterizzato con una doppia uscita contenente anche il nuovo album, i polacchi Psychotropic Trascendental rilasciano questo doppio album di cui ci occupiamo distintamente a stilare una doppia recensione sia del remaster di “Ax Libereld” che del nuovo album. Per chi non li conoscesse, questa band polacca musicalmente propone un post rock metal abbastanza lineare sotto il profilo musicale ma alquanto isterico per quanto attiene il clean screm alternato. I brani assorbono molto l’ascolto, soprattutto in questa nuova versione rimasterizzata in cui si ha una maggiore coerenza con lo stile della band capace di giocare ben a carte scoperte e offrire scenari molto soft con inaspettate ritmiche che all’improvviso travolgono come un vero vortice. I passaggi più easy offrono anche una esecuzione mono corale che culla l’ascoltatore tra le soavi e moderate note in cui chitarre, tra refrain e distorti, rendono ancora migliore un approccio che potrebbe in un modo o nell’altro non essere di gradimento ad orecchie più esigenti. Lo scenario si fa in alcuni tratti quasi ipnotico, arabesco, tra ritmica quasi tribale che culla la lenta marcia sulle dune del deserto al tramonto per scatenarsi poi in un post rock più incisivo che smette di sonnecchiare per rendersi più incisivo; in altri casi la ritmica irrompe per offrire andature quasi metal che si lasciano alle spalle le parti post rock. Un disco che, seppur già noto, nella sua particolare e modulare attitudine, offre un interesse maggiore all’ascolto anche per una migliore resa audio rispetto alla prima edizione del 2001.

Track by Track
  1. Ax Libereld.. 75
  2. Dirigah Nax Ma-Zarthilag 70
  3. Raxus Mahad Kirdail 75
  4. Sabagih Har Sabagihed 70
  5. Hava Kirr nax Lanamar 70
  6. Garmed Il-Namars 70
  7. Or Navorunas 70
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 75
  • Qualità Artwork: 75
  • Originalità: 70
  • Tecnica: 70
Giudizio Finale
72

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 23.06.2019. Articolo letto 127 volte.

 

Articoli Correlati

News
  • Spiacenti! Non sono disponibili altre notizie correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.