Arkana Fen «Reborn From the Ashes» (2019)

Arkana Fen «Reborn From The Ashes» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
08.06.2019

 

Visualizzazioni:
122

 

Band:
Arkana Fen
[MetalWave] Invia una email a Arkana Fen [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Arkana Fen

 

Titolo:
Reborn From the Ashes

 

Nazione:
International

 

Formazione:
Icaro Ravelo :: Drums, Keyboards
Eric Murdarak :: Guitars
Ellie Kamphuis :: Vocals

 

Genere:
Symphonic Metal / Progressive Metal / Folk Metal

 

Durata:
15' 21"

 

Formato:
EP

 

Data di Uscita:
2019

 

Etichetta:
Autoproduzione

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Promettente, anche se ancora migliorabile, questo Ep di debutto degli Arkana Fen, una band costituita da un brasiliano, un messicano e una cantante neozelandese, che ci propongono in “Reborn from the ashes” un promettente esempio di Symphonic Metal.
È facile proporre spazzatura musicale in questo genere poiché per farlo bene si richiede perfezione formale assoluta, e troppi rookie sbagliano, proponendo robe troppo languide, o troppo potenti, o con una cantante che invece di far suonare bene i pezzi si preoccupa più che altro di far vedere che sa cantare, a prescindere dal fatto se poi le linee vocali stanno bene con la musica. Fortunatamente gli AF riescono a non cascarci, e ci propongono 2 buoni brani più cover chiaramente ispirati ai Nightwish, non male nella buona (anche se un po’ facilona) “Fallen from grace”, e che invece incuriosisce di più nella title track, bene a tiro e davvero riuscita, nonostante la presenza di alcuni cliché come la voce narrante mentre la musica si ferma. Completa il trio di canzoni una cover di “Scarborough fair” insperatamente riuscita. Certo, non siamo ai livelli incredibili della versione dei My Dying Bride, ma gli AF si difendono bene e svolgono comunque un bel lavoro.
Insomma: gli Arkana Fen potevano fare un brutto lavoro, e invece riescono a farsi notare in positivo anche con solo due canzoni. Certo, c’è un po’ di personalità da acquisire e liberarsi di un po’ di luoghi comuni di questo genere, ma ciò non toglie che “Reborn from the ashes” è comunque un bel lavoro da tenere d’occhio se cercate bands sulla falsariga di Nightwish e ovviamente Delain. Il voto finale è un po’ tirchio di punti per via della breve durata dell’Ep.

Track by Track
  1. Fallen from grace 70
  2. Scarborough fair (Cover) S.V.
  3. Reborn from the ashes 70
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 70
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 65
  • Tecnica: 70
Giudizio Finale
69

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 08.06.2019. Articolo letto 122 volte.

 

Articoli Correlati

News
  • Spiacenti! Non sono disponibili altre notizie correlate.
Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.