Prehistoric Pigs «Dai» (2019)

Prehistoric Pigs ĞDaiğ | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
12.05.2019

 

Visualizzazioni:
69

 

Band:
Prehistoric Pigs
[MetalWave] Invia una email a Prehistoric Pigs [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Prehistoric Pigs

 

Titolo:
Dai

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Juri Tirelli :: Guitar
Jacopo Tirelli :: bass
Mattia Piani :: drums

 

Genere:
Instrumental Psycho Stoner Rock

 

Durata:
32' 46"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
31.01.2019

 

Etichetta:
Autoproduzione

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Metaversus - Press & Promo
[MetalWave] Invia una email a Metaversus - Press & Promo [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Metaversus - Press & Promo

 

Recensione

Si riconfermano una buona band i Prehistoric Pigs, già recensiti da me in passato, e fautori di un ancora migliore secondo album, chiamato semplicemente “Dai”, che condensa 5 brani strumentali di Stoner rock in poco meno di 33 minuti che ti colpiscono per la cangianza dei mood di questi brani, che nella opener passano da parti ritmate e vivaci a stacchi psichedelici tipo primi Zippo (l’influenza di questa band ritornerà spesso nello scorrere dei brani), fino a momenti dove la chitarra solista si sbizzarrisce, tratto questo davvero distintivo, in un genere dove l’utilizzo solista di questo strumento è sempre stato cosa rara. E i PP non mostrano problemi a livello di versatilità del songwriting, sia quando il brano è breve e più tipicamente stoner rock come “Pest”, sia quando, come nel terzo brano, si affronta la durata di 10 minuti e passa, passando da mood a mood con una semplicità stupefacente, e c’è anche un po’ di spazio per il funky/jazz nel quarto brano.
Ne risulta dunque un disco che lascia impressionati. Raramente questo genere va per me oltre una certa bellezza formale ma anche sterile, ma i Prehistoric Pigs riescono a convincere ancora: i loro brani non sono delle jams riarrangiate, non sono un rincorrersi attorno a pedali: sono brani che riescono a brillare di luce propria. E poco male se l’ultimo brano risulta più sottotono degli altri: se lo stoner è il vostro pane quotidiano, date una chance a “Dai” dei Prehistoric Pigs.

Track by Track
  1. Hasensijo 80
  2. Pest 75
  3. Geppetto M24 80
  4. Soft-sheel crab 80
  5. No means no 65
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 75
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 80
  • Tecnica: 75
Giudizio Finale
75

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 12.05.2019. Articolo letto 69 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.