Alice in Wonderland «Dr!nk Me» (2015)

Alice In Wonderland ĞDr!nk Meğ | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
14.11.2015

 

Visualizzazioni:
711

 

Band:
Alice in Wonderland
[MetalWave] Invia una email a Alice in Wonderland [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Alice in Wonderland [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Alice in Wonderland [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Alice in Wonderland [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagine GooglePlus di Alice in Wonderland [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Alice in Wonderland [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina SoundCloud di Alice in Wonderland [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Alice in Wonderland

 

Titolo:
Dr!nk Me

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
- Maria Letizia Vitaloni :: voce;
- Enrico Lunghi :: chitarra;
- Mattia Sari :: basso;
- Matteo Foppiano :: batteria;

 

Genere:
Tale Rock

 

Durata:
42' 22"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
14.09.2015

 

Etichetta:
Autoproduzione

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Primo album per gli Alice in Wonderland, band della provincia di Lodi intitolato “Drink Me”, disponibile sui canali di distribuzione musicale più noti oltre che scaricabile, con il quale si fanno spazio attraverso un rock stile anni ’80 misto a pop che idealmente riesce a trasportare l’ascoltatore su spazi fantastici all’interno dei quali è possibile affrontare e sconfiggere le proprie paure e i propri ostacoli. Musicalmente le andature si ispirano a band quali Motley Crue, Poison, Alice Cooper e avendo prevalentemente la band cominciato proprio realizzando cover dei predetti, nel corso dell’ascolto può capitare di associare il brano a qualche andatura già ascoltata ma un po’ più arrangiata e personalizzata; tutto sommato, nel complesso, difficilmente si assiste ad andature spinte a dovere. Ciò che appare soddisfacente è la pulizia sonora che adotta questa band dove è possibile ben scindere il lavoro di ogni singolo strumento basso ovviamente incluso. L’ascolto del disco parte con il primo brano “ Adrenaline”, musicalmente spumeggiante e dalla bella andatura rock, dove a prevalere è la parte vocale schietta, mentre un po’ deludenti appaiono i refrain della chitarra non troppo perfetti e l’andatura che nel complesso rimane abbastanza statica; il successivo “ Wonderland” apre un po’ alla AC DC ma poi si assesta su andature sdolcinate alla Motley Crue; il successivo “O.C.D.” delinea un buon inizio sempre su base rock naturale che va a svilupparsi su un arrangiamento che in definitiva non dispiace affatto; è poi la volta di “ Mad Tea Party” brano nel complesso moderato, privo di distorti marcati, dove la parte canora appare essere molto a proprio agio; il successivo “Stars” si presenta con una struttura prevalentemente pop molto moderata e sempre con sonorità semplici ma efficaci; è poi la volta di “Pearl in A Shall”, un rock animato al punto giusto che lascia ben coinvolgere anche grazie al ritornello centrale del brano; l’ascolto prosegue con “ Who are You?” che apre con un arpeggio un po’ malinconico che anticipa un rock quasi in modalità hard che ovviamente si alterna anche a contesti più moderati; un po’ deludente appare la parte cantata che in alcuni tratti sembra andare un po’ oltre le proprie possibilità generando un effetto non troppo piacevole; “Horcrux” rimette un po’ il tutto in carreggiata ed in maniera ben animata al punto da generare un brano coinvolgente al punto giusto; è poi la volta di “Drink Me”, brano che porta il titolo di questo platter, sempre proposto in un rock parzialmente aggressivo ma dal motivo musicalmente efficace; gli ultimi due brani “ Queen of Hearts” e “We are Infinite”, entrambi in modalità quasi country si presentano strutturalmente molto semplici e di compagnia. Nel complesso, all'interno del platter appaiono tutti quesgli elementi che in qualche modo confermano l’impegno della band ma nello stesso tempo emergono dall’ascolto parti in cui c’è ancora molto da lavorare per fare una presa maggiore sull'ascoltatore

Track by Track
  1. Adrenaline 55
  2. Wonderland 65
  3. O.C.D. 60
  4. Mad Tea Party 65
  5. Stars 60
  6. Pearl in a Shell 60
  7. Who Are You 50
  8. Horcrux 65
  9. Drink Me 65
  10. Queen of Hearts 60
  11. We Are Infinity 60
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 65
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 60
  • Tecnica: 60
Giudizio Finale
62

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 14.11.2015. Articolo letto 711 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.