Rvaniy Shepot «Pokhmelniy rok» (2013)

Rvaniy Shepot «Pokhmelniy Rok» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
12.06.2015

 

Visualizzazioni:
523

 

Band:
Rvaniy Shepot

 

Titolo:
Pokhmelniy rok

 

Nazione:
Russia

 

Formazione:
Trezvyi Dzhon :: vocals, texts, composer
Dmitriy Tverdovskiy :: guitar
Nikita Pak :: drums
Aleksand Sunyakin :: accordion
Igor Zvuchenko :: Bass

 

Genere:
Real Man Rock

 

Durata:
49' 39"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
2013

 

Etichetta:
Autoproduzione

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
GlobMetal Promotions
[MetalWave] Invia una email a GlobMetal Promotions [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di GlobMetal Promotions

 

Recensione

Che vi aspettate da un gruppo russo da Novosibirsk che si definisce “Heavy punk accordion” e che in questi quasi 50 minuti di musica fa un album il cui titolo in russo significa nientemeno che “Postumi della sbronza Rock”? Se avete risposto: musica tamarra e divertentissima, ci siete.
Facciamo una premessa: gli Rvaniy Shepot difficilmente piaceranno a chi non ama queste sonorità grottesche ma divertenti, a queste sonorità tipo cori da ubriachi, ma i RS se ne fregano e rispondono semplicemente con una musica a volte rockeggiante nella splendida tripletta rock in apertura, e che diventa sfacciatamente da bikers nella quarta canzone, mentre emerge anche una vena folk rock notevole e divertente nella quinta e sesta canzone, fino al punto di diventare un piacevole punk/rock con la fisarmonica, quasi Oi!, volendo, dove la chitarra e la fisarmonica eseguono lavori solisti più che apprezzabili.
Ed è proprio questo il punto di forza di questo cd: un cd allegro e divertente, tamarro addirittura, ma per niente sciatto o trascurato, anzi godibilissimo e amichevole, perfino profondo e più atmosferico quando serve, come nella lunga “Muzkaya Lirika”. È un cd la cui sostanza è sbattuta in faccia senza fronzoli, ma con solo due pretese, delineate bene sin dal titolo: bere e fare rock. Prendere o lasciare. Io prendo eccome. E voi? Cd consigliatissimo agli amanti della musica folk rockeggiante ma anche allegra.

Track by Track
  1. Pohmelnii Rock 75
  2. Yunaya Svoboda 75
  3. Trezvaya Pyantiza 75
  4. Mechanizm 70
  5. Pogulyali 80
  6. Muzkaya Lirika 80
  7. Pivnoi Cherep 75
  8. Neznaya Poeziya 70
  9. Pamyat 70
  10. Sredi Nas 75
  11. Na Pyanom Uglu 75
  12. Rvaniy Shepot 80
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 80
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 75
  • Tecnica: 70
Giudizio Finale
74

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 12.06.2015. Articolo letto 523 volte.

 

Articoli Correlati

News
  • Spiacenti! Non sono disponibili altre notizie correlate.
Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.