Aesta «From Darkness to Light» (2014)

Aesta «From Darkness To Light» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
18.01.2015

 

Visualizzazioni:
745

 

Band:
Aesta
[MetalWave] Invia una email a Aesta [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Aesta [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Aesta

 

Titolo:
From Darkness to Light

 

Nazione:
Austria

 

Formazione:
B. :: Bass
T. :: Guitars
M. :: Drums
# :: Vocals, Guitars

 

Genere:
Post Black Metal

 

Durata:
50' 28"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
2014

 

Etichetta:
Autoproduzione

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Gli Aesta sono una band che arriva da Linz, Austria, e ci propone da ascoltare il proprio debut album che corrisponde anche al proprio debutto in assoluto discografico, autoprodotto, che condensa 7 tracce più intro, outro e bonus track di uno stile musicale che incrocia fortemente il black metal con il melodic death.
Ora, a dirla tutta, il risultato mostra, come è facile aspettarcisi in questi casi, una band che non è male ma che non è completamente pronta per fare un full length di 50 minuti. E questo perché “From darkness...” in realtà parte con un black metal molto guitar driven e da questo punto di vista senz’altro somigliante ai Dissection e ai Lord Belial, anche se un po’ più ammorbiditi e con tendenze un po’ troppo moderne alla fine della terza canzone, ma poi cambia. Già la quinta canzone “I am” mostra una canzone dall’andamento molto più tra melodic death e Thrash, dove per la verità la band dà il meglio e che mostra il vero potenziale della band, sennonché da qui in poi gli Aesta cambiano ancora stile e per le tre canzoni successive abbondano ancora di più col melodic death metal, talmente tanto che il black metal quasi scompare nelle ultime tre canzoni, con tanto di passaggi in maggiore che davvero, col black non hanno niente a che fare, o quasi. Ininfluenti l’outro, che sembra una traccia sviluppabile come canzone ma invece lasciata così, e la bonus tracks, non fondamentale.
Insomma: il debutto degli Aesta è discretamente buono, consigliabile ai fans del melodic death o anche del black metal meno aggressivo e più melodico tipo Thy Serpent, ma la personalità musicale, pur essendoci, in realtà va ottimizzata, visto che qui si passa da un black metal non efficacissimo ad un melodic death decisamente migliore. Bisogna che gli Aesta definiscano meglio gli equilibri di queste due influenze e se convenga più fonderle o dedicarsi a un genere piuttosto che un altro. Il voto finale premia l’originalità e il fatto che comunque la band ha potenzialità per fare qualcosa di buono in futuro. Per ora, tuttavia, “From darkness to light” è un buon disco, ma ancora un bel po’ perfezionabile.

Track by Track
  1. Intro S.V.
  2. Und so erlischt 70
  3. From darkness to light 65
  4. Verinnerlicht 70
  5. I am 75
  6. This world is on fire 70
  7. face your fears 70
  8. Als leben 75
  9. Outro S.V.
  10. Bonus track (acoustic) S.V.
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 70
  • Qualità Artwork: 60
  • Originalità: 65
  • Tecnica: 70
Giudizio Finale
68

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 18.01.2015. Articolo letto 745 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.