Fate Control «Random Survival» (2014)

Fate Control «Random Survival» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
10.07.2014

 

Visualizzazioni:
1271

 

Band:
Fate Control
[MetalWave] Invia una email a Fate Control [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Fate Control [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Fate Control [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Fate Control [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Fate Control [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina SoundCloud di Fate Control

 

Titolo:
Random Survival

 

Nazione:
Svizzera

 

Formazione:
Matt Cellini :: vocals
Marc Frigg :: guitar
Rolf Spack :: guitar
Manuel Wunderlich :: keyboards, backing vocals
Olivier Burki :: bass
Markus Schlatter :: drums

 

Genere:
Melodic Death / Groove Metal

 

Durata:
43' 38"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
14.02.2014

 

Etichetta:
Autoproduzione

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Incredibilmente per i miei standard, I Fate Control da Berna fanno un disco di metal decisamente moderno E che sia anche credibile, convincente e che non puzzi lontano un miglio di “usa e getta”.
Serve poco, in realtà, per convincerci della riuscita di questo “Random Survival”: è un disco che non prova a fare il metallaro coi cori pop lunghissimi, non espettora blastbeat brevissimi e neanche punta tutto sui soliti breakdowns personalmente da me mai preferiti. La formula segreta di questo disco è semplicemente di rimanere ciò che si è, vale a dire una band che proponga un metal ben composto senza che sia per forza wannabe estreme metal, o fac simile dei Metallica, ma solo nelle strofe, e soprattutto senza modernerie che nulla hanno a che fare col metal, come ad esempio l’autotune esagerato nelle parti pulite. Come a dire che ai Fate Control bastano sé stessi e le loro capacità, e infatti così è.
Le influenze stile In Flames, quelli dell’ultima generazione, ci sono dunque sempre, evincibili da brani come “You shall fall”, “knockout” o “Dance of bullets”, ma qui forse per dei riffs sicuramente interessanti e per non puntare tutto sull’orecchiabilità sensu stricto, il risultato non è da buttar via. Altre volte sono le puntate industrial tipo i brani centrali a differenziare i brani e a non renderli derivativi, e per questo convincono; infine in canzoni come “Nothing” o la fuga strumentale di “Knockout” sono le soluzioni stilistiche e gli arrangiamenti a rendere speciali questi brani, come del resto anche la fenomenale semi ballad “Idiocracy”.
Insomma: sarà forse un caso, l’eccezione che conferma la regola, ma “Random Survival” mi smentisce una mia sensazione: finora ho sempre pensato che molti dei dischi metal che hanno una tendenza mainstream fossero solo una versione annacquata metal, e anche che in fin dei conti non saranno mai robe capaci di dire qualcosa di nuovo. Con quest’album è così. La prova che basta essere sé stessi in musica, e che la genuinità paga sempre il doppio dell’atteggiarsi. Per l’originalità e come incoraggiamento, quest’album è più che promosso. Bella sorpresa.

Track by Track
  1. Random Survival 70
  2. E.K.I.A. 75
  3. You shall fall 75
  4. Nothing 80
  5. As I collapse in fear 75
  6. Fukushima 75
  7. Knockout 75
  8. Dance of Bullets 75
  9. Idiocracy 80
  10. Bedtime anarchy 70
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 75
  • Qualità Artwork: 45
  • Originalità: 75
  • Tecnica: 75
Giudizio Finale
71

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 10.07.2014. Articolo letto 1271 volte.

 

Articoli Correlati

News
  • Spiacenti! Non sono disponibili altre notizie correlate.
Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.