Tempestous Fall «The Stars Would Not Awake You» (2012)

Tempestous Fall «The Stars Would Not Awake You» | MetalWave.it Recensioni Autore:
carnival creation »

 

Recensione Pubblicata il:
--

 

Visualizzazioni:
392

 

Band:
Tempestous Fall
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Tempestous Fall

 

Titolo:
The Stars Would Not Awake You

 

Nazione:
Australia

 

Formazione:
Dis Pater :: Vocals, All Instruments

 

Genere:

 

Durata:
1h 3' 33"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
2012

 

Etichetta:

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Tempestous Fall è la creatura del master-mind Dis Pater, figura solitaria che si cela dietro al progetto e che si occupa di ogni aspetto che concerne “The Stars Would Not Awake You” ovvero la stesura dei pezzi in toto, dalle liriche alla registrazione di ogni strumento.
Già con questi presupposti non posso fare altro che stimare il lavoro di un artista che si è impegnato in modo enorme per la realizzazione del tutto.
La “band” dei Tempestous Fall suona un Funeral Doom Metal dallo spessore tutt’altro che indifferente, si nota fin da subito una produzione eccellente atta ad assorbire ogni suono orchestrale o meno delle cinque imponenti suite e restituirlo all’ascoltatore sotto forma di prodotto più che convincente.
Naturalmente è del materiale rivolto più che altro ad estimatori del genere in quanto non troverete chissà qualche dinamicità nei pezzi (per quanto il nostro amico riesce facilmente a comporre canzoni dai cambi di atmosfera validissimi) né tantomeno accelerazioni di tempo improvvise.
Di tutt’altra pasta quindi sono costituiti i brani dalla durata media di 12-13 minuti cada uno e invito gli amanti della musica soffocante e disperata ad un ascolto anche superficiale, giusto per rendersi conto della qualità di tale prodotto, il quale, è doveroso scriverlo, rappresenta il debut-album di un progetto che potrebbe davvero fare grandi balzi per quanto possibile, del resto non stiamo parlando di musica da mettere alle feste ma di composizioni generate per l’ascolto e che vantano una produzione che valorizza il tutto.
Ottimi tutti i growl e le voci pulite così come tutte le chitarre, precise e per nulla banali. Troverete frequentissime tastiere e lunghi delay e profondi riverberi che vi trasporteranno in un abisso piacevole seppur surreale.
Ci ha convinto! Bravo il nostro Dis Pater!

Track by Track
  1. Old & Grey 70
  2. Beneath A Stone Grave 80
  3. Marble Tears 75
  4. The Stars Would Not Awake You 70
  5. A Cold Stale Goodbye 70
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 80
  • Qualità Artwork: 60
  • Originalità: 70
  • Tecnica: 85
Giudizio Finale
73

 

Recensione di carnival creation » pubblicata il --. Articolo letto 392 volte.

 

Articoli Correlati

News
  • Spiacenti! Non sono disponibili altre notizie correlate.
Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.