Holodomor «Témoignages De La Gnose Terrestre» (2012)

Holodomor «Témoignages De La Gnose Terrestre» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Absentia »

 

Recensione Pubblicata il:
--

 

Visualizzazioni:
404

 

Band:
Holodomor
[MetalWave] Invia una email a Holodomor [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Holodomor [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Holodomor

 

Titolo:
Témoignages De La Gnose Terrestre

 

Nazione:
Inghilterra

 

Formazione:
Steve Waldron:bass,subsonic Doom
Dan Couch:drums,artillery Assault
Steve Dean:guitars,lacerations And Hate
Adam Widawski:guitars, Vocals - Lunacy, Propaganda And Scoring

 

Genere:

 

Durata:
15' 63"

 

Formato:
Mini-CD

 

Data di Uscita:
2012

 

Etichetta:

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Con un gruppo che si chiama come il “Genocidio ucraino”, ovvero la carestia che si abbatté in Ucraina dal 1929 al 1933 e il titolo del lavoro che si traduce in “Testimonianze della gnosi terrestre” cosa ci si può aspettare se non la distruzione più totale? Gli Holodomor sono una band inglese formatasi nel 2009 e che quest’ anno debutta con un mini- cd di cinque pezzi, per un totale di quasi sedici minuti letali fra black, thrash, death e hardcore: violenza e caos inaudito (non a caso si definiscono “bestial black, thrash metal”). Le canzoni scorrono velocissime (sin troppo), non c’ è né sosta né tregua, in un continuum di suoni crudi, brutali e marci fino al midollo. L’ aggressività sonora è totale e palese in ogni suo aspetto in una unione e rottura di vari generi dove le chitarre dal suono perforante e stridente, il basso indistinguibile dal magma sonoro, la caotica e la voce in semi- screaming sgolato, sono gli elementi compositivi del sound “putrefatto” degli Holodomor. Il lavoro parte a tutta potenza con “Fall Into Time” e prosegue a razzo fino alla fine con “The Iconclast”: un’ escalation veramente ardua! Le influenze del gruppo sono davvero tante e varie, per la maggiore va il black e il thrash old school nella loro forma più grezza e bestiale ma a mio parere è riduttivo considerarli come un gruppo fermo al non sviluppare un sound proprio. Nell’ascolto si sente una vena di sperimentazione e di gran personalità, seppur compressa in una zona circoscritta di generi, eppure, nonostante tutto, dopo più ascolti emerge la creatività di questo gruppo veramente estremo. Gli Holodomor con questo “Témoignages De La Gnose Terreste” hanno creato un muro sonoro davvero difficile da superare, anche per chi è abituato a certi ascolti. Io lo trovo un lavoro interessante e degno di nota, soprattutto per la volontà de gruppo nel cercare di essere veramente fedele alla propria linea, anche se ancora c’ è da lavorare per consolidare il tutto in qualcosa (speriamo )di davvero promettente. Sfascio totale.

Track by Track
  1. Fall Into Time 65
  2. The Spell Of Black Affliction 65
  3. Tribulation Stigmata 60
  4. Evoke 75
  5. The Iconoclast 65
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 65
  • Qualità Artwork: 55
  • Originalità: 70
  • Tecnica: 65
Giudizio Finale
65

 

Recensione di Absentia » pubblicata il --. Articolo letto 404 volte.

 

Articoli Correlati

News
  • Spiacenti! Non sono disponibili altre notizie correlate.
Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.