Umbra Noctis «Il Primo Volo (anteprima)» (2011)

Umbra Noctis Il Primo Volo (anteprima) | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
--

 

Visualizzazioni:
1184

 

Band:
Umbra Noctis
[MetalWave] Invia una email a Umbra Noctis [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Umbra Noctis [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Umbra Noctis [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Umbra Noctis [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Umbra Noctis [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Umbra Noctis

 

Titolo:
Il Primo Volo (anteprima)

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Davide Bottoli - Bass
Omar Maghella - Drums
Tiziano Valente - Guitars
Filippo Magri - Vocals

 

Genere:

 

Durata:
19' 55"

 

Formato:
EP

 

Data di Uscita:
2011

 

Etichetta:

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

I bresciani Umbra Noctis tornano ancora a colpire, con questo “Il primo volo” in versione anteprima del primo full length della band.
Poco da dire, in realtà, su questa anteprima del cd, che ha in realtà solo due inediti, ovvero “Oltre la steppa” e l’omonima “Umbra Noctis”, mentre “Scream” è chiaramente una cover dei Misfits, mentre “Spettri sol fiom” fu già rilasciata altrove in precedenza, e non è altro che la bellissima “Spettri sul fiume” pubblicata nel demo “Luce oltre il confine”.
C’è poco da dire sugli ultimi due brani: “Spettri sol fiom” è identica in tutto e per tutto, tranne forse per la produzione meno pulita e la lingua in cui viene cantata, “Scream” dei Misfits è una canzone rifatta fedele all’originale, forse un po’ fuori contesto, ma pur sempre apprezzabile in quanto interpretabile come un pure e semplice divertimento. Il piatto forte dell’EP è dato invece dai due nuovi inediti, convincenti per il tocco molto black/rock e marcatamente ficcante, più accentuato rispetto al loro demo, talmente tanto che raramente gli UN hanno bisogno di andare veloce: a loro per mantenere le composizioni bastano i loro punti di forza, ovvero una voce che si avvale di una impostazione a volte sofferta, a volte molto grintosa ed un gusto melodico adorabile, con dei riff sempre in bicordo o che prendono semplici note, eppure capaci di impressionare già così. Da notare che “Oltre la steppa” presenta uno stile proprio di riffs che può facilmente ricordare, per semplicità, quelli dei Tumulus Anmatus e dei Frangar del primo disco, che però qui funzionano meglio grazie ad una compattezza degli altri strumenti e della voce maggiore, oltre che ad arrangiamenti meglio riusciti. Non c’è traccia di queste influenze, invece, in “Umbra Noctis”, una canzone molto personale sotto questo punto di vista.
Insomma: come anteprima, il debut album degli Umbra Noctis promette proprio bene! Il giudizio finale di questo EP c’è ma è qualcosa di molto a sé stante: è chiaro che il giudizio definitivo si avrà col full length, visto che quando questo disco uscirà, questo EP avrà uno scopo prettamente collezionistico.

Track by Track
  1. Oltre la steppa 75
  2. Umbra Noctis 75
  3. Scream (Misfits cover) 65
  4. Spettri sol fiom 70
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 70
  • Qualità Artwork: 65
  • Originalità: 75
  • Tecnica: 70
Giudizio Finale
71

 

Recensione di Snarl » pubblicata il --. Articolo letto 1184 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.