Need «Siamese God» (2009)

Need «Siamese God» | MetalWave.it Recensioni Autore:
carnival creation »

 

Recensione Pubblicata il:
--

 

Visualizzazioni:
390

 

Band:
Need
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Need [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Need [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Need

 

Titolo:
Siamese God

 

Nazione:
Grecia

 

Formazione:
Jon V. :: Vocals
Ravaya :: Guitars, Vocals
K.k. :: Bass
Anthony Hatzis :: Keyboards
Pete :: Drums

 

Genere:

 

Durata:
55' 30"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
2009

 

Etichetta:

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Datato 2009 ma pubblicato in Italia soltanto ora, arriva il secondo album dei progsters greci Need. Detto francamente, ho ascoltato Siamese God quattro o cinque volte ma non è riuscito a trasmettermi nulla di eccezionale tranne qualche sporadico episodio degno di nota, vale a dire “Soon” e la successiva traccia “Lie Before You Sleep”, tutte le rimanenti tracce funzionano, per così dire, da “collante” per questi due brani che avrebbero potuto rappresentare un invidiabile demo/promo o essere inserite in uno split con qualche altra band del calibro similare.
Senza che ci giro troppo intorno, i Need appaiono tecnicamente affini ai Meshuggah meno tecnici, ai Taproot, lievemente ai 36Crazyfists e leggermente ai Diecast. Forse qualcuno noterà una similare intelaiatura dei riff a la Slipknot più moderni ma non credo che questa sia la forza dei Need, che invece tendono a farci vedere quanto sono bravi a cavarsela, ogni tanto, nelle linee melodiche tuttavia sfociando in una mera accozzaglia che sa di commerciale.
E' un vero peccato perchè “Siamese God” può vantare una produzione elegantissima che gioca molto sulle tonalità basse, aiutata da equalizzazioni che valorizzano le chitarre baritone, il basso e la cassa della batteria impegnati in fraseggi ritmici al sapore di nu-metal ma che strizzano leggermente l'occhio anche ai più fruibili Fear Factory (Digimortal, per chi non l'avesse capito), con la differenza che quest'ultimi un passo falso (per quanto...) gli si poteva anche perdonare.
Il quintetto greco assolta sonorità industrial mescolandole con nu-metal a la Disturbed e Mudvayne mixati insieme mentre il basso ricorda quel Justin Chancellor (Tool) che tanto abbiamo apprezzato su Lateralus ma che qui forse suona più ritmico che solistico.
Siamese God è un album che ha molte pretese ma che probabilmente è composto da due gran pezzi e basta, non sufficienti per decretare la sua riuscita nel complesso. Non è da bocciare, anzi, è da spronare: una band come i Need può fare molto di più se si scrollasse di dosso tutte queste pesanti influenze.

Track by Track
  1. Rainy Pieces Of Hell 50
  2. Soon 75
  3. Lie Before You Sleep 75
  4. Flesh Machines 50
  5. Siamese God 50
  6. In Between 50
  7. War/ning 50
  8. C.M.R. 50
  9. The Lesson 65
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 80
  • Qualità Artwork: 80
  • Originalità: 50
  • Tecnica: 80
Giudizio Finale
62

 

Recensione di carnival creation » pubblicata il --. Articolo letto 390 volte.

 

Articoli Correlati

News
Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.