Weird Owl « Build Your Beast a Fire» (2011)

Weird Owl «Build Your Beast A Fire» | MetalWave.it Recensioni Autore:
carnival creation »

 

Recensione Pubblicata il:
--

 

Visualizzazioni:
393

 

Band:
Weird Owl
[MetalWave] Invia una email a Weird Owl [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Weird Owl [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Weird Owl

 

Titolo:
Build Your Beast a Fire

 

Nazione:
U.s.a.

 

Formazione:
Trevor Tyrrel :: vocals, guitars
Ken Cook :: keyboards
Rusty Kershaw :: bass
Sloppy :: drums

 

Genere:

 

Durata:
51' 28"

 

Formato:
Promo CD

 

Data di Uscita:
2011

 

Etichetta:

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

I Weird Owl sono una formazione di tutto rispetto nata nel non lontano 2004, proveniente da Brooklyn e con alle spalle già un full-lenght dai buonissimi riscontri, “Ever The Silver Cord Be Loosed” (datato 2009) ed ora, non paghi del successo, ritornano con un'altra creatura intitolata “Build Your Beast a Fire”.
Già nel 2009 i nostri si sono distinti per aver magicamente ridato vita ad un rock psichedelico che trae le sue radici non 20 ma quasi più di 40 anni fa e quest'ultimo buon disco i WO lo hanno costruito con regole musicali vecchie ma non obsolete, avvalendosi di strumentazioni moderne ed una produzione sempre con un occhio al passato.
Qualitativamente “Build Your Beast a Fire” può rappresentare senza ombra di dubbio uno dei migliori dischi di rock “malinconico” migliori del 2011 quanto ad attitudini e aloni di vissuto che vanno a immergersi in ogni vibrazione sonora.
Parlare di ogni brano è inutile poiché “Built Your Beast a Fire” è un'esperienza che va respirata a pieni polmoni nella sua interessa, tutta d'un fiato nel suoi cinquanta minuti di durata.
Troverete la classica formazione rock dei quattro elementi di cui, più in vista, sono le chitarre ed i ritmi oltre che la suggestiva voce del vocalist Trevor Tyrrel, per il resto le timide tastiere di Ken Cook fanno il loro ingresso ben poco ma nei punti giusti per sottolineare al meglio taluni passaggi e per aperture melodiche più leggiadre.
Migliore del primo quanto a qualità compositiva. Chiudete gli occhi e cliccate su “play” perchè per la prossima ora sarete impegnati a viaggiare con la mente.

Track by Track
  1. No Time For No Space 65
  2. Up From The Root 70
  3. Stral Proj 70
  4. Tiny Sleeping Animals 70
  5. Mirrors In The Mud 75
  6. Parallax Eyes 75
  7. Build Your Beast a Fire II 75
  8. Saucer-Shaped Shadow 80
  9. Skin The Dawn 80
  10. Two-Heated Brother 80
  11. Horn Antler Tusk 70
  12. Mountains On Top Of Buried Stars 85
  13. Space Bolero 70
  14. What We See What We Know 75
  15. Build Your Beast a Fire I 70
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 80
  • Qualità Artwork: 65
  • Originalità: 70
  • Tecnica: 80
Giudizio Finale
74

 

Recensione di carnival creation » pubblicata il --. Articolo letto 393 volte.

 

Articoli Correlati

News
  • Spiacenti! Non sono disponibili altre notizie correlate.
Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.