Phenium «Fake You All» (2011)

Phenium «Fake You All» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Digprog »

 

Recensione Pubblicata il:
--

 

Visualizzazioni:
910

 

Band:
Phenium
[MetalWave] Invia una email a Phenium [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Phenium [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Phenium [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Phenium [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Phenium

 

Titolo:
Fake You All

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Val - vocals
Darhem - lead guitar
Gore - rhythm guitar
P-bost - bass
Mangler - drums

 

Genere:

 

Durata:
46' 0"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
2011

 

Etichetta:

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

I nostrani Phenium propongono con “Fake You All” un trash metal rinvigorito che aleggia fra passato e presente. L’album risulta abbastanza eclettico nell’insieme, effetto che la band laziale non intende cadere nel banale, uniformandosi ai canoni del genere, ma contraddistinguersi creando una sorta di collegamento diretto tra i Metallica di un tempo che fu e il metalcore dei Trivum. Formatasi nel tardo 2005, la band partendo dalla scena metal romana è riuscita ad ottenere, grazie alle lodevoli doti tecniche e le performance live di grande impatto, dei consensi sempre crescenti sia all’interno dell’ambiente e sia da parte del pubblico. Sulla base di tali risultati nell'autunno del 2008 stampano dapprima l’omonima demo e pubblicando successivamente, a quasi un anno di distanza, l'Ep “IncubHate” ottenendo però pareri discordanti tra l’osteggiamento italiano e la consacrazione al di fuori dei confini nazionali. Il presente si chiama Lost Sound Records, che ha dato la possibilità ai ragazzi di incidere quest’ultimo lavoro in studio con Rob Cufaro (Theatres Des Vampires e VII Arcano), ma anche con una rinnovata line-up.
Il disco inizia con una breve introduzione, dove un continuo crescendo di arpeggi al pianoforte e un tappeto di archi creano un’avvolgente atmosfera, spezzata in modo rigorosamente brutale dalla prima raffica ritmica del pezzo "Drift" (a mio parere una delle migliori) che enfatizza al meglio tutte le doti tecniche del quintetto. I vocalizzi di Val riescono ad esprimere tutta la sua straordinaria verve metal, destando una certa profondità ai brani. Il songwriting è condito da break melodici e ritmiche strutturate, senza disprezzare ornamenti acustici, mid tempo e sintetizzatori. Massiccia la presenza ritmica del drummer Mangler e del bassista P-Bost, ottima base per le cavalcate dei due chitarristi Darhem (lead guitar) e Gore (rhythm guitar) alternando riff ruvidi e taglienti a massicci passaggi melodici. Da segnalare le tracks “Consumed”, la title track “Fake You All” e “Broadcasts Of Hate”.
In definitiva i Phenium di "Fake You All" rappresentano un’interessante e promettente realtà nel panorama metal italiano, che spicca di grande personalità.

Track by Track
  1. Intro 85
  2. Drift 90
  3. Insensitive 75
  4. NWO 80
  5. This Empty Sorrow 80
  6. Ghost 75
  7. Consumed 80
  8. My Heart Nevermore 75
  9. Fake You All 80
  10. Broadcasts Of Hate 80
  11. Lie To Me 75
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 85
  • Qualità Artwork: 75
  • Originalità: 80
  • Tecnica: 85
Giudizio Finale
80

 

Recensione di Digprog » pubblicata il --. Articolo letto 910 volte.

 

Articoli Correlati

Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.