Damned Spring Fragrantia «Damned Spring Fragrantia» (2011)

Damned Spring Fragrantia «Damned Spring Fragrantia» | MetalWave.it Recensioni Autore:
carnival creation »

 

Recensione Pubblicata il:
--

 

Visualizzazioni:
1038

 

Band:
Damned Spring Fragrantia
[MetalWave] Invia una email a Damned Spring Fragrantia [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Damned Spring Fragrantia [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Damned Spring Fragrantia

 

Titolo:
Damned Spring Fragrantia

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Nicolò Carrara - vocals
Andrea Tinelli - guitar
Enrico Picari - guitar
Federico Gallingani - bass
Nicolò Ballabeni - drums

 

Genere:

 

Durata:
17' 5"

 

Formato:
EP

 

Data di Uscita:
2011

 

Etichetta:

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Quando vieni sottoposto al materiale di band math-core, non sempre dovresti aspettarti il solito metal estremo con tecnica fine a sè stessa. I Damned Spring Fragrantia, nati a Parma nel 2006 (tra l'altro recensiti ed intervistati in questa stessa webzine nemmeno troppo tempo fa) sono nati quasi per gioco ed invece, col tempo, hanno dato uno scossone spaventoso al metal estremo nazionale.
Pur suonando math-core si riescono a distinguere benissimo da tantissime altre band, poiché posseggono un'individualità che è alla base di ogni loro singola nota. L'omonimo EP conta cinque tracce solamente ma cinque episodi importantissimi dotati di una qualità sonora eccellente e formate rispettivamente da una buonissima creatività. Originali e imprevedibili all'ennesima potenza, i Damned Spring Fragrantia hanno scelto un sentiero già battuto è vero, ed anche estremamente difficoltoso, ma se questo secondo capitolo possiede già questi requisiti non mi sorprenderà se il prossimo passo (ad esempio un bel full-lenght) inizi a circolare a livello internazionale.
Sfuriate continue come continui sono i cambi di tempo, le dissonanze accorpate a riff molto eccentrici. Il modo di cantare ricorda molto il mondo death metal e quindi ci sta a pennello, o almeno è sicuramente più adatto di quegli strilli disumani a cornacchia in cui non si riesce a distinguere una singola parola (ammesso che ce ne sia una di senso compiuto). Ottimo materiale senza dubbio! A questo punto esigiamo l'album!

Track by Track
  1. Breathe 75
  2. Clarity 80
  3. Suspended 80
  4. Renaissance 80
  5. Unconcerned 80
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 80
  • Qualità Artwork: 60
  • Originalità: 75
  • Tecnica: 90
Giudizio Finale
78

 

Recensione di carnival creation » pubblicata il --. Articolo letto 1038 volte.

 

Articoli Correlati

Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.