Eversin «Divina Distopia» (2010)

Eversin «Divina Distopia» | MetalWave.it Recensioni Autore:
carnival creation »

 

Recensione Pubblicata il:
--

 

Visualizzazioni:
1313

 

Band:
Eversin
[MetalWave] Invia una email a Eversin [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Eversin [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Eversin

 

Titolo:
Divina Distopia

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Angelo Ferrante :: Vocals
Ignazio Nicastro :: Bass
Giangabriele Lo Pilato ::Guitar

Session musicians:
Sergio Calì :: Drums
Mimmo Petrella :: Keyboards

 

Genere:

 

Durata:
39' 0"

 

Formato:
Promo CD

 

Data di Uscita:
2010

 

Etichetta:

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Dopo aver cambiato nome in “Eversin” (prima erano conosciuti come Fvoco Fatvo ed eravamo rimasti a “Our Elegy” datato 2006) i nostri ritornano con un album fresco come una mattina di primavera ed intenso come un bel bagno caldo dopo ore di palestra.
Stilisticamente la band sostiene il “Techno Power Thrash” ma effettivamente di Thrash ce n'è ben poco dato che gli Eversin pare preferiscano sostare parecchio sulle onde del Progressive moderno e se iniziassi a citare le influenze finirei domattina.
Normalmente i gruppi progressive hanno la tendenza a restarsene in quella nicchia musicale ascoltata solo da una certa elìte data la stragrande maggioranza di tecnica rispetto alla passione vera e propria, ovvio non tutti, ma una buona parte si comporta pressappoco così.

I nostri invece, pur adattandosi alle soluzioni Prog che molti di noi conoscono, conservano una grande valenza di Epic e le canzoni, fin da subito, appaiono intense e vissute nel profondo nonostante un po' di imprecisioni qua e là.
L'album scorre abbastanza bene e non annoia veramente mai grazie alla grande dinamicità con cui sono state composte le canzoni e mi pare proprio doveroso fare un rilievo a “In The Shadow Of The Rose “, grande ballad, grande pezzo veramente, il picco del cd assieme alla epica “Suddenly”.
Sicuramente “Divina Distopia” non resterà nell'ombra ma il mio consiglio è quello di ascoltarlo tutto insieme per assaporarne ogni minimo particolare.

Track by Track
  1. X.E.N.O.S. 65
  2. Wings Ov Tears 70
  3. In The Shadow Of The Rose 85
  4. Divina Distopia 65
  5. Angel Of Silence (5033 A.C.) 70
  6. Suddenly 80
  7. In My Dreams They Live 65
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 75
  • Qualità Artwork: 60
  • Originalità: 65
  • Tecnica: 65
Giudizio Finale
70

 

Recensione di carnival creation » pubblicata il --. Articolo letto 1313 volte.

 

Articoli Correlati

News
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.