Eversin «Trinity: The Annihilation» (2015)

Eversin «Trinity: The Annihilation» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
24.05.2015

 

Visualizzazioni:
1784

 

Band:
Eversin
[MetalWave] Invia una email a Eversin [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Eversin [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Eversin

 

Titolo:
Trinity: The Annihilation

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
- ANGELO FERRANTE :: Vocals;
- GIANGABRIELE LO PILATO :: Guitars;
- IGNAZIO NICASTRO :: Bass & Backing vocals;
- DANILO FICICCHIA :: Drums;

 

Genere:
Violent Thrash Metal

 

Durata:
38' 55"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
18.05.2015

 

Etichetta:
My Kingdom Music
[MetalWave] Invia una email a My Kingdom Music [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di My Kingdom Music [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di My Kingdom Music [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di My Kingdom Music [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di My Kingdom Music [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di My Kingdom Music

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Una moltitudine di influenze si respirano in questo “Trinity the Annhilation”, da poco in uscita, ad opera dei siciliani Eversin che propongono un Violent Thrash Metal colmo di aggressività rispetto alle loro precedenti uscite. Per il titolo del lavoro gli Eversin si ispirano al nome in codice della prima denotazione nucleare che gli USA fecero nel lontano 1945 nel deserto del New Mexico. L’impianto sonoro architettato è, come detto, molto possente, le ritmiche sono suonate magistralmente, ben scandite, il drumming è elaborato e sempre pronto a spaccare, la parte vocale è un misto tra Tom Araya e Chuck Billy, insomma diciamo che non manca nulla per farci trascinare da questo Thrash colmo di impulsività e schiettezza. Il full lenght proposto, di otto brani, è un insieme di incredibili derivati che spaziano tra Testament, Grip Inc.,Forbidden; a riprova di ciò si parte subito con “Flagellum dei” il cui titolo è già di per sé tutto un programma, accelerazioni bel elaborate tra stoppate, palm muting e chi più ne ha più ne metta; a seguire “Fire Walk with Me” dove appare la prima special vocals guest nella persona di James Rivera (Helstar) che affianca egregiamente il Ferrante, dove il sound granitico viene anche divelto da un buon lead guitar; a seguire “Chaosborn” brano superlativo, sparato come un proiettile, dove è impossibile rimanere fermi e non mettersi a ciondolare la testa, i distorti sono intensi, il drum compatto e il lead guitar elettrizzante; a seguire “We Will Prevail” altro brano che ospita altra special guest in un lead solo alla sei corde ovvero Glen Alvelais (Forbidden, Testament one lead), dall’intro acusticamente tetro che poi parte ritmato ignorantemente, come piace a noi metallers, anche in controtempo, riff stoppati che anticipano una successiva sparata in full Thrash maestosa che chiuse con l’ottimo lead; “Crown of Nails” altro pezzone incredibile calibrato a dovere e dalla partenza energetica, doppia cassa, riff indomabili e lead incredibili; inizio leggermente più moderato rispetto al brano precedente ce la propone “Beneath an Atomic Sun” altro bel pezzo aspro e macchinoso; “Latanies of War” dove si percepisce sin da subito anche l’ottimo lavoro del basso, ci propone un ritmica leggermente più moderata ma sempre brillante; a chiudere ci pensa “Trinity” dal riff introduttivo pacato che fa innescare una successiva ritmica carica di lead avvolgenti che conducono al successivo sviluppo del brano in maniera sorprendentemente esplosiva e quasi trascendentale visto l’effetto finale del brano misto tra elettronica e synth. Un lavoro veramente incredibile questo degli Eversin, realizzato con estro e capacità che dimostrano che, tutto sommato, indipendentemente dai già buoni, precedenti, lavori proposti, questa band, se vuole, è in grado di fare anche l’impossibile.

Track by Track
  1. Flagellum Dei 75
  2. Fire Walk With Me 75
  3. Chaosborn 85
  4. We Will Prevails 80
  5. Crown of Nails 75
  6. Beneath an Atomin Sun 80
  7. Litanies of War 75
  8. Trinity 80
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 75
  • Qualità Artwork: 80
  • Originalità: 80
  • Tecnica: 80
Giudizio Finale
79

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 24.05.2015. Articolo letto 1784 volte.

 

Articoli Correlati

News
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.