Matrioska Social Club «Matrioska Social Club» (2023)

Matrioska Social Club «Matrioska Social Club» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
09.05.2024

 

Visualizzazioni:
203

 

Band:
Matrioska Social Club
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Matrioska Social Club [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagine GooglePlus di Matrioska Social Club [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Matrioska Social Club

 

Titolo:
Matrioska Social Club

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Lorenzo Zizzi :: Vox, Guitars
Gian Piero Nicoli :: Drums

 

Genere:
Alternative Rock / Stoner Rock

 

Durata:
32' 16"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
14.04.2023

 

Etichetta:
Autoproduzione

 

Distribuzione:
Resisto Distribuzione
[MetalWave] Invia una email a Resisto Distribuzione [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Resisto Distribuzione [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Resisto Distribuzione

 

Agenzia di Promozione:
(R)esisto Promozione
[MetalWave] Invia una email a (R)esisto Promozione [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di (R)esisto Promozione [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di (R)esisto Promozione

 

Recensione

Presentato in maniera abbastanza umile, in realtà il disco di debutto autointitolato dei Matrioska Social Club è un simpatico disco di debutto puramente rock n roll, che in poco più di mezz’ora di musica riesce a deliziarci con un sound fresco e cangiante, che mutua diverse influenze del rock italiano e non solo, e ce le presenta per un mix avvincente.
“Alibi” è infatti l’opener, e stupisce per un songwriting abile e tutto sommato minimale, ma anche potente, ma proseguendo le influenze cambiano, con una “Freak” che comincia in stile Piero Pelù solista e termina decelerando sempre di più in un finale doom lisergico, e il caleidoscopio d’influenze varia ancora, con una “Ext” che cita il grunge, passando ai Led Zeppelin della bluesy “Giocodei”, il tutto condito da un gusto melodico e con uno spiccato senso per i ritornelli che rende questo disco ben riuscito, il che è eccezionale se si conta che i MSC in realtà sono un power duo, e anche se a volte si sentono due chitarre sovraincise, non è una soluzione stilistica che tanto prediligo, visto che la trovo un po’ limitante. Tuttavia, questo non si nota granché con questi ragazzi, visto che il sound scarno è comunque tutt’altro che sciatto o approssimativo. Semmai, me la sentirei di chiedere ai Matrioska Social Club di colmare questa lacuna in futuro, che onestamente un po’ più di carne al fuoco non fa mai male, ma qui più che di pregi o difetti, si parla di opinioni personali.
In conclusione, l’album autointitolato dei Matrioska Social Club è un inizio positivo, il frutto di un songwriting ispirato e coinvolgente, e pur se ho un punto interrogativo per la resa di questa band in versione live, ciò non toglie che l’acquisto di questo disco è ben consigliato se cercate una band rock sufficientemente cangiante nel sound.

Track by Track
  1. Alibi 70
  2. Freak 75
  3. Ext 70
  4. Scimmie metropolitane 75
  5. Regina cadente 70
  6. Giocodei 75
  7. Primavera 70
  8. Stupidi eroi 70
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 75
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 70
  • Tecnica: 75
Giudizio Finale
72

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 09.05.2024. Articolo letto 203 volte.

 

Articoli Correlati

News
Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.