Whispers In The Maze «Stories Untold: Chapter 1» (2022)

Whispers In The Maze «Stories Untold: Chapter 1» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
22.03.2023

 

Visualizzazioni:
382

 

Band:
Whispers In The Maze
[MetalWave] Invia una email a Whispers In The Maze [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Whispers In The Maze [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Whispers In The Maze [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagine GooglePlus di Whispers In The Maze [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Whispers In The Maze

 

Titolo:
Stories Untold: Chapter 1

 

Nazione:
Canada

 

Formazione:
Ben Bertrand :: Bass, Vocals
Emine Topcu :: Guitars, Vocals
Vitto Oh :: Guitars
Mike Berrigan :: Drums

 

Genere:
Melodic Death Metal

 

Durata:
19' 28"

 

Formato:
EP

 

Data di Uscita:
29.06.2022

 

Etichetta:
Autoproduzione

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Curioso, ma anche con qualche punto interrogativo questo secondo Ep dei Canadesi da Ottawa Whispers in the Maze, che con questo “Stories Untold – Chapter 1” ci propongono un interessante e personale approccio al death melodico, fatto in una maniera molto personale, ma che non funziona comunque al 100%, forse per semplice mancanza d’esperienza, visto che in effetti questo Ep sarebbe una raccolta di vecchi brani riregistrati.
Infatti, ascolti “Poisoning Imagination”, e quasi salti dalla sedia per l’approccio molto personale al melodic death, dove a dei riffs ritmici in realtà neanche troppo originali, si stagliano un sacco di idee interessanti prese ed eseguite dagli altri musicisti, che rendono questo brano davvero ben fatto, e la cosa bella è che il tiro è confermato con “Ink”, che anche per un positivo uso del basso è un brano che riesce a risplendere, e poco importa se durante l’assolo si sente qualche ingenuità di arrangiamento, dovuto comunque alla poca esperienza della band. Da qui in poi, però, il tiro cala, e i WitM vanno a suonare semplicemente meno efficaci, con una “Chinaed to the grave” certamente più diretta e tipicamente melodic death, ma che va scemando d’intensità per il passare dei minuti, forse perché manca l’idea vincente in più. E quasi trascurabile è “Behind your eyes”, un brano che a livello di idee ci starebbe anche, ma le cui influenze non suonano molto amalgamate, e dove il ritornello con la voce pulita a me suona abbastanza banale, finendo solo per essere un clone dei Arch Enemy, e anche uno di lega abbastanza dozzinale.
Insomma, due brani molto interessanti, uno così così e uno niente di speciale. Questo sono i Whispers in the Maze, il tutto per un potenziale tanto alto quanto non sfruttato appieno, che ti fa chiedere davvero cos’è capace di fare questa band e come può evolvere il gruppo in futuro. Trattandosi questo Ep di brani vecchi riproposti, non possiamo fare altro che sperare che i nostri hanno già trovato la loro via con gli episodi più felici di questo “Stories untold – Chapter 1”, poiché è lì che il loro sound eccelle in questi 19 minuti e mezzo di musica.

Track by Track
  1. Poisoning Imagination 80
  2. Ink 70
  3. Chained till the grave 70
  4. Behind your eyes 60
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 75
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 75
  • Tecnica: 70
Giudizio Finale
71

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 22.03.2023. Articolo letto 382 volte.

 

Articoli Correlati

News
Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.