Septem + Taste Revenge

Data dell'Evento:
07.02.2014

 

Band:
Septem [MetalWave] Invia una email a Septem [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Septem [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Septem [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Septem
Taste Revenge [MetalWave] Invia una email a Taste Revenge [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Taste Revenge [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Taste Revenge

 

Luogo dell'Evento:
The Grapes Pub

 

Città:
Pontremoli (MS)

 

Autore:
Sonia Darkhaos»

 

Visualizzazioni:
2523

 

Live Report

Dieci anni fa, precisamente il 7 febbraio 2004, i Septem salivano sul palco per la prima volta in assoluto, nella splendida cornice del Dialma Ruggiero a La Spezia.Lo scorso venerdì, il gruppo ligure ha festeggiato il decimo anniversario con i torinesi Taste Revenge, nel piccolo e caloroso The Grapes Pub a Pontremoli. La serata musicale è cominciata verso le dieci e mezza passate con il furioso Thrash dei Taste Revenge che per l'occasione hanno presentato i pezzi del disco d'esordio "Drowning Force".

Partono in quarta con il pezzo d'apertura "God Slayer" che infiamma la platea del Grapes. Ritmica incessante e refrain tritatutto caratterizzano la proposta musicale dei torinesi.
Seguono "Becoming The Legend" e "Nailed To Reality", vere sfuriate di Thrash spaccaossa che mischia la miglior tradizione della Bay Area (ritornano alla mente Slayer e Testament) con l'estro creativo e personale dei cinque musicisti!
Lo show dei piemontesi procede con la riproposizione di tutti i pezzi del disco. Bellissima la performance di "Ask Me To Die" (di cui esiste il videoclip ufficiale) e un complimento a Marcello Prisco, bravissimo nel ruolo di cantante e alla sezione ritmica capitanata da Carlo Bellavia, incredibile dietro le pelli e da Luca Scicchitano,basso e seconda voce!
Le chitarre fanno bene il proprio lavoro, quindi è dovere menzionare Valerio Fumarola e Lorenzo Spinelli, bravi a macinare riff allucinanti a cui non si può non rimanere fermi.
Si continua con "Dawn Of Reckoning", "No Compromises, "Try", la splendida title-track e "Scab".
Performance con i fiocchi per un gruppo validissimo che merita di essere gustato anche e sopratutto in sede live. Bestiali!
Il Grapes si riempie ancora di più per l'attesissimo live dei quasi eroi di casa, quei Septem che ormai sono diventati una sorta di "riempi pista" e garanzia di alta qualità musicale. Gli spezzini nel corso di oltre un'ora di concerto, ripropongono tutto il disco d'esordio più l'inedito "Cielo Drive" (presentato per la prima volta all'evento "Per la Barba di Gianni il Capitano", lo scorso 5 gennaio a La Spezia).
Lo show dei liguri è stato caratterizzato da alcuni problemi tecnici accorsi al chitarrista Enrico Montaperto, che si ritrova ad un certo punto con una chitarra per così dire" che non suona più". Il pubblico risponde e anzi si diverte, incoraggiando il gruppo che lascia una performance allucinante impreziosita anche dal piccolo regalo fatto ai Septem per i 10 anni di concerti e cioè una torta e uno spumante. Ma il vero regalo per il gruppo è stato il pubblico numerosissimo accorso da ogni parte della Lunigiana e non solo.
Serata con il botto, nonostante il tempo piovoso, il freddo e i problemi tecnici che alla fine della fiera sono forse la parte "più vera" di un concerto. Grandi i Taste Revenge e grandi i Septem. Due realtà musicali di cui andare fieri. Supportate la scena.

 

Recensione di Sonia Darkhaos Articolo letto 2523 volte.

 

Articoli Correlati

News
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.