Intervista: Winterage

Nessuna Descrizione Il mondo del metal è un mondo in continua evoluzione. nuove band propongono nuovi modelli, fondono assieme stili diversi o usano strumenti che dovrebbero trovarsi in una sala concerti o in un museo, e non in mezzo al sudore, al movimento e alla birra. E proprio per quanto riguarda questo ultimo genere di gruppi, ce n'è uno che da genova, lentamente e quasi una canzone alla volta, sta guadagnando sempre più consensi e affilando progressivamente gli archetti. i winterage vantano un power metal con accenni orchestrali principalmente strumentale e molto diretto, che non si perde in quell'ampollosità di archi che sta prendendo piega nel genere, e completamente guidato dall'ottimo violino di gabriele boschi. Dopo l'uscita del singolo "Forest of Consciousness", che sembra marcare un (ottimo) cambio di direzione verso i brani cantati, li abbiamo contattati per sapere qualcosa sul fatto e per fare il punto della situazione.

 

Ciao ragazzi! E' un piacere avervi per la prima volta sulle pagine di MetalWave!

Ciao a tutti! Grazie a voi per lo spazio che ci concedete!

Allora, visto che è la prima volta che siete con noi, perchè non ci parlate del vostro progetto? Come vi è venuta l'idea di usare un violino come pilastro centrale di un contesto metal?

L’idea ci è venuta ascoltando gruppi che già avevano provato a fare un esperimento simile, come i Rhapsody, gli Haggard, i Turisar, gli Elvenking, e molti altri. Inoltre il violino richiama molto le sonorità, la tecnica, e molti altri aspetti legati alla musica classica, una delle principali influenze del nostro sound. Quindi avendo di fronte chiare dimostrazioni che la cosa poteva funzionare, abbiamo deciso di portare avanti questa idea e già dai primi risultati ne siamo rimasti entusiasti. Ora è diventata la nostra principale caratteristica e sembra sia molto apprezzata da una vasta fetta di pubblico.

Quali direste che sono i vostri influssi, su cosa avete basato il vostro sound?

Come ho già accennato, una delle nostre più grandi influenze è portata dal repertorio classico.
La musica classica è l’unico vero pilastro su cui si basa tutta la musica e noi ne traiamo un notevole vantaggio dal punto di vista armonico e contrappuntistico. Ma ogni membro del gruppo porta all’interno del sound la propria influenza dettata dai personali gusti e capacità, per cui esso acquista valore ed originalità. Altre principali influenze derivano dalla musica folkloristica irlandese e scozzese, dal prog all’heavy metal.

Parlando del vostro sound, la seconda cosa che colpisce è il suono caldo della chitarra. Visto l'immaginario da "inverno perenne" che nomi e illustrazioni hanno costruito, qualcuno si aspetterebbe un suono più tagliente e metallico, anche per assecondare il violino. E' una scelta precisa del gruppo o una preferenza di Riccardo, il vostro chitarrista?

Diciamo che il nome del gruppo e l’impostazione invernale che abbiamo voluto dare all’EP, non fanno riferimento ai suoni dei singoli strumenti, ma per di più sul sound generale e sulle atmosfere differenti che vogliamo creare.
Il suono della chitarre, è sotto la supervisione di Riccardo, che lo regola in base al proprio gusto, all’insieme del sound generale e a come si fonde con il nostro stile molto orchestrale: un suono caldo e riempitivo aggiunge valore e carattere al tutto!

Dopo una demo, un EP e un singolo, a quando un album completo?

Siamo chiusi in sala prove da mesi. L’album è quasi tutto composto: ci stavamo lavorando già prima di far uscire il singolo di quest’anno. Dobbiamo soltanto finire di studiare i pezzi ed ultimare gli arrangiamenti e le orchestrazioni. L’album conterà più di 12 pezzi e sarà l’emblema del vero e nuovo sound dei Winterage: ora abbiamo inserito le voci stabilmente nelle canzoni, ma nè mancheranno le tracce strumentali, nè l’utilizzo del violino ne risentirà. Non voglio sbilanciarmi nel preannunciare troppo, ma avremo la fortuna di vantare di numerosissime collaborazioni, che arricchiranno parecchio il sound dell’album… Una gran fortuna per una band symphonic!

Passiamo al vostro ultimo singolo... Un ottimo lavoro, a giudicare dai responsi della critica, che segna un passaggio netto verso l'uso della voce. Cosa vi ha spinto adesso a sperimentare con dei cantanti, dopo aver iniziato come un gruppo strumentale?

Sembra che il singolo sia piaciuto, si. Ci è servito soprattutto per far vedere (o meglio sentire) che ci stiamo evolvendo e stiamo portando ad un livello superiore il songwriting, gli arrangiamenti e l’inserimento di voci e cori. Dopo un EP quasi del tutto strumentale, abbiamo raggiunto la maturità necessaria per comporre anche valide linee vocali, supportate dalle altrettanto valide voci di Daniele e Silvia.
Oltre che aver seguito i suggerimenti della critica, abbiamo deciso di inserire voci e cori, per aggiungere ancora più varietà ed originalità compositiva al sound generale del gruppo: con a disposizione una forte voce power maschile ed l’aggiunta della voce femminile di soprano, si sono aperte per noi molte più porte.

Seguirete questo percorso, quindi, con una voce in pianta stabile nella formazione, o l'incursione vocale sarà a seconda dell'ispirazione del momento?

Le voci da ora in poi sono e saranno una costante per i Winterage. Tutto starà nel vedere il riscontro con il giudizio del pubblico e della critica in merito, ma a mio modesto parere i risultati ottenuti sono più che ottimi… Per questo posso dire che di voce nei Winterage ne sentirete per un bel po’!

Forest of Counsciousness farà parte della colonna sonora del film Extreme Jukebox. Come è finita la vostra canzone a fare da sottofondo a questo lungometraggio?

Il regista di questo film è di Genova e, avendoci ascoltati sia in studio che live, ha deciso di farci la proposta di comporre un brano sullo stile horror da poter inserire nel suo film. Noi in fase compositiva abbiamo seguito le linee guida che lui ci ha indicato…rimanendo però sempre nel sound caratteristico dei Winterage!
E così nel giro di due o tre mesi abbiamo composto e registrato Forest of Consciousness e siamo rimasti entusiasti del risultato.

E quanto ha influito il dover essere utilizzata in questo modo sulla composizione? Per chiarire i dubbi, le sezioni quasi atmosferiche erano già in programma nella struttura o sono state aggiunte per necessità?

La canzone è stata composta ad hoc per l’impostazione evocativa che il regista ci ha chiesto.
Abbiamo voluto alternare momenti di atmosfera e pathos ad altri di ritmo e pura adrenalina. Nulla è stato aggiunto o sottratto dopo: era tutto programmato nella stesura della struttura della canzone.
E’ stato interessante sperimentare nuove sonorità e questa esperienza sicuramente ci ha fatto crescere, oltre che a darci una marcia in più per la stesura dell’album.

Ci potete dire qualcosa del film, o è tutto coperto dal più assoluto segreto?

Noi sinceramente sappiamo molto poco al riguardo, ma ciò che è sicuro è che conterrà parecchia musica metal, avvalendosi di molte collaborazioni anche abbastanza importanti!
La data di uscita non è ancora stata rivelata…ma chi vuole può rimanere aggiornato visitando il loro sito: http://www.extremejukeboxthemovie.com

Allora, dopo questo lavoro, in cosa vi impegnerete successivamente?

Ci stiamo seriamente impegnando per dare vita al nostro primo vero full-lenght.
Sarà il nostro prossimo traguardo: l’album rappresenterà il nuovo vero sound dei Winterage e sarà la nostra preziosa carta nel mazzo del Symphonic Power Metal italiano!
In seguito alle registrazioni dovremo trovare una casa discografica che ci sostenga: speriamo di essere notati, dopo tanto impegno! In ogni caso siamo fiduciosi, i riscontri fin ora sono stati molto positivi…non possiamo che sperare che rimangano tali anche dopo l’uscita dell’album!

Bene, vi ringraziamo tantissimo per essere stati con noi. Speriamo di risentirci presto, e in bocca al lupo per i vostri progetti! E ai nostri lettori, non perdetevi l'uscita del film!

Grazie a voi per lo spazio che ci avete concesso! Ci trovate su http://www.winterage.net!

Stay winter...

Intervista di MrSteve Articolo letto 1917 volte.

 


Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.