Intervista: Necrodeath

Prima dell'esibizione della storica band nostrana, Necrodeath, il nostro Heresy è riuscito a scambiare due parole con il batterista della formazione, Peso.

 

Heresy :: Parliamo del vostro ultimo album "Ton(e)s of Hate": io personalmente l'ho apprezzato molto perchè, oltre a conservare il tipico sound dei Necrodeath, è anche un album piuttosto vario. A ormai un anno dall'uscita, come trovi che sia stato accolto? Siete soddisfatti del risultato finale o c'è qualcosa che ora rimpiangete?

Peso :: Sì, personalmente sono molto soddisfatto di "Ton(e)s of Hate", sia per quanto riguarda la composizione dei brani, sia per la produzione, che è diversa da quella dei due dischi precedenti. Stavolta è stata messa maggiormente in
evidenza la sezione ritmica, sin dalla prima composizione dei pezzi, rispetto alle chitarre che invece erano predominanti in "Mater of all evil" e in "Black as pitch". Per questo abbiamo preferito registrare nei romani Outer Studios in modo da avere un suono nuovo, più dinamico e più incentrato sul basso e sulla batteria.

Heresy :: Come mai la scelta di inserire le voci femminili?

Peso :: Mah, sono stati semplicemente due arrangiamenti per abbellire quei particolari pezzi...

Heresy :: C'è un concept o un'idea di fondo nell'album, o i pezzi sono tutti slegati tra loro?

Peso :: No, sono tutti brani slegati, tranne "Queen of desire" e "Petition for mercy" che a livello lirico sono legate tra loro. La prima parla della vita di una aristocratica dei 1700, Caroline Ruud, che fece impiccare il marito insieme al fratello gemello di lui, e la seconda parla della sentenza dei due fratelli.

Heresy :: Ti va di parlarci un attimo di come avviene il processo compositivo nei Necrodeath?

Peso :: Sì, la composizione dei Necrodeath è curata sin dai primi tempi da Claudio e da me. I pezzi nascono o da riff di chitarra di Claudio o da miei riff di basso, che vengono poi definitivamente arrangiati in sala prove tutti insieme.

Heresy :: Cosa vi ha spinto a reclutare il nuovo chitarrista Andy in formazione?

Peso :: In realtà Andy è un session-man, perchè nell'ultimo anno Claudio ha avuto una figlia e non può dedicarsi al gruppo, per il momento... Ci limitiamo a suonare dal vivo, ma non sappiamo cosa può avvenire in futuro. In ogni caso
Claudio è totalmente libero di decidere a cosa dare la priorità, in futuro, se andare avanti o se abbandonare...

Heresy :: Raza de Odio: cosa mi dici del vostro nuovo progetto parallelo? (con il bassista John e lo stesso Peso, ndr)

Peso :: Nell'ultimo anno, dopo l'uscita di "Ton(e)s of Hate", mi sono dedicato ai Raza de Odio, progetto che era in cantiere già da qualche tempo, e il cui album "La nueva alarma" è uscito da pochissimo! Insieme a me e a John c'è il ritorno di Zanna alla voce, con cui avevo lavorato nei Sadist, e abbiamo Lopez e Paco alle chitarre elettrica e classica.

Heresy :: Col senno di poi, trovi che sia stato difficile per voi emergere, nonostante la validità della proposta musicale? Riuscite a vivere con la musica?

Peso :: Mah, penso che attualmente il nostro sia un livello di "cult-band", il cui nome è diventato famoso un po' ovunque, ma siamo rimasti sicuramente sempre nell'underground. Abbiamo anche avuto offerte da grandi etichette, ma erano contratti decisamente troppo impegnativi da rispettare! Di certo siamo stati fortunati per il fatto di essere conosciuti nonostante siamo nati nei lontani anni '80... Siamo musicisti, ma non si vive delle sole entrate dei Necrodeath!

Heresy :: Cosa pensi dell'underground italiano attuale e della situazione delle label nel nostro paese? C'è qualche gruppo che apprezzi in particolare?

Peso :: Adesso ci sono parecchi gruppi anche molto più preparati tecnicamente, rispetto a una volta. La scena in Italia è a mio avviso inferiore a quella di altri paesi, ovviamente la crisi del disco non aiuta, e probabilmente le piccole etichette saranno destinate a sparire... Internet è un ottimo mezzo di promozione, ma ha anche i suoi lati negativi, e non si esce da questa situazione a meno di abbassare i prezzi dei CD originali e di permettere a tutti, studenti compreso, di comprarli anzichè scaricarli da Internet!

Heresy :: Che ne pensi del recente ritorno di moda del thrash? Pensi sia un fatto di passione o anche in qualche modo economico?

Peso :: Personalmente io ho vissuto la reunion dei Necrodeath con Claudio per passione e per voglia di suonare, e penso che anche per gli altri sia così, non credo si scelga di fare questo genere per soldi.

Heresy :: Dopo tre ottimi album in quattro anni, quali sono i vostri progetti per il futuro? Avete già in cantiere nuovi pezzi? Pensate di regalarci qualcosa di speciale in occasione del ventennale?

Peso :: Come ti ho detto il gruppo è in una fase di stasi per la momentanea assenza di Claudio, e non avremo pezzi nuovi finché non si sarà deciso con Claudio cosa fare a livello compositivo. Ma ti anticipo che uscirà una compilation a
gennaio, per festeggiare il ventennale dei Necrodeath, e alla promozione parteciperà anche Claudio.
Un saluto a tutti i lettori di MetalWave!!!!!

Intervista di Heresy Articolo letto 1412 volte.

 


Articoli Correlati

News