Zora «Gore» (2007)

Zora «Gore» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Ernando »

 

Recensione Pubblicata il:
--

 

Visualizzazioni:
1001

 

Band:
Zora
[MetalWave] Invia una email a Zora [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Zora [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Zora [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Zora [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Zora [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Zora [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina SoundCloud di Zora [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Zora

 

Titolo:
Gore

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Peppe Pascale – Vocal/Guitar
TatO – Bass
Alessandro Di Meco – Drums

 

Genere:

 

Durata:
40' 2"

 

Formato:

 

Data di Uscita:
2007

 

Etichetta:

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Death Metal brutale, estremo, di scuola floridiana è la matrice da cui prendono ispirazioni gli Zora. Ma non è una copia sbiadita quella dei tre calabresi, bensì un disco in cui il genere viene rinvigorito con una iniezione vitale, capace di essere assimilato e distinto già dal primo ascolto, ma non per questo risultare noioso dopo diversi di essi. Il lavoro di produzione, altamente professionale, è impeccabile e dona al platter un sound graffiante, intenso, compatto: sembra davvero di trovarci davanti ad un lavoro proveniente da oltreoceano, ma con un songwriting ben più ispirato di certi lavori licenziati da band più blasonate della formazione di Vibo. L’amalgama tra i musicisti è impeccabile, anche grazie all’affiatamento che due membri del gruppo, Peppe e TatO, hanno affinato nell’altro gruppo di cui fanno parte, i Glacial Fear, caposaldo della scena metal underground tricolore. Alessandro Di Meco, di contro, è un batterista dalla precisione chirurgica nelle parti contraddistinte da mid-tempos e con risultati devastanti in quelli più aggressivi. Non ultimo è da evidenziare il lavoro fatto nella stesura dei testi: mai banali e dallo spiccato senso di denuncia politica e civile. In tempi come questi, in cui il confine tra politica e malavita organizzata, tra governo e forze religiose, tra potere politico e quello economico è alquanto sottile c’è bisogno che se ne parli, c’è bisogno che si critichi, c’è bisogno che si pungoli. Insomma, questo album ha tutte le carte in regola per diventare se non una pietra miliare del genere quantomeno un disco imprescindibile per gli amanti del Death Metal “Made in Florida”.

Track by Track
  1. Hipocrisy 77
  2. Humanimals 74
  3. R.I.P. 76
  4. Sign Your Body 75
  5. gore 74
  6. Hate Me 75
  7. Kill Who Kill You 78
  8. Enslaved by the Pigs 79
  9. Escape 75
  10. Pachidermik 78
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 78
  • Qualità Artwork: 74
  • Originalità: 62
  • Tecnica: 76
Giudizio Finale
75

 

Recensione di Ernando » pubblicata il --. Articolo letto 1001 volte.

 

Articoli Correlati

News
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.