Zora «Scream Your Hate» (2016)

Zora «Scream Your Hate» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
01.12.2016

 

Visualizzazioni:
1281

 

Band:
Zora
[MetalWave] Invia una email a Zora [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Zora [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Zora [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Zora [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Zora [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Zora [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina SoundCloud di Zora [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Zora

 

Titolo:
Scream Your Hate

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
- Glk Molè :: guitar;
- Tato :: vox, bass;
- Giampiero Serra :: drums;

 

Genere:
Brutal Death Metal

 

Durata:
33' 53"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
2016

 

Etichetta:
Autoproduzione

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Potente, granitico e devastante si presenta questo lavoro del trio calabrese degli Zora, band all’attivo da oltre un decennio, che ritorna oggi con questo “Scream Your Hate” ripercorrendo sostanzialmente da un lato, il proprio personale stile di cui questa band già ce ne aveva dato una prova nel 2004 con l’uscita del suo primo demo “Dismember Human Race” e dall’altro una particolare propensione al brutal death metal dei primissimi Cannibal Corpse, se vogliamo azzardare dei paragoni. Senza esagerazioni, ciò che va ammirato di questo lavoro, al di là dell’ottima attitudine della band ad andature caratteristiche del genere, è la particolarità delle ritmiche che si imperniano, nella loro brutalità, su contesti quasi melodici che consentono di ottimizzare al meglio le stesse andature; decisamente egregio è anche il mastodontico growl della parte cantata che si avvale in alcuni passaggi anche di uno scream parallelo un po’ alla Torture Killer, una mezz’ora abbondante di puro death metal tra quelli che piacciono di più e tra quelli decisamente più caratteristici. I nove brani, anche sulla scorta delle premesse di cui sopra scorrono decisamente bene, sporadici lead solo, ritmiche diverse tra brano e brano che si alternano in un contesto figurativamente realizzato tra cadaveri, corpi decomposti, mutilazioni e deformazioni, tutte raffigurate nel mega volto rappresentante l’art cover del cd. Un disco decisamente all’altezza della situazione che con qualche piccolissima miglioria può senza l’ombra di dubbio fare testa a qualsiasi death metal band mondiale.

Track by Track
  1. Dritting 80
  2. Out Cast 80
  3. Blinded 85
  4. Slave of Mind 85
  5. Refused 80
  6. Trapped Mosquito 80
  7. Banquet Of Flesh 85
  8. Abracadacab 85
  9. Scream Your Hate 85
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 80
  • Qualità Artwork: 80
  • Originalità: 85
  • Tecnica: 85
Giudizio Finale
83

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 01.12.2016. Articolo letto 1281 volte.

 

Articoli Correlati

News
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.