Torment «The War They Feed» (2020)

Torment «The War They Feed» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
03.04.2021

 

Visualizzazioni:
342

 

Band:
Torment
[MetalWave] Invia una email a Torment [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Torment [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Torment [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Torment [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Torment [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina ReverbNation di Torment

 

Titolo:
The War They Feed

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
- Paolo Zippo :: Drums;
- Fabri :: vocals, Guitars;
- Ugo :: Bass;

 

Genere:
Thrash Metal

 

Durata:
33' 12"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
27.11.2020

 

Etichetta:
Punishment 18 Records
[MetalWave] Invia una email a Punishment 18 Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Punishment 18 Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Punishment 18 Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Punishment 18 Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina ReverbNation di Punishment 18 Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Autori di un Ep e di un full lenght e con un prima formazione risalente al lontano 2002, i Torment rilasciano oggi, a cagioni di tormentate vicende riconducibili prevalentemente alla line up, “The War They Feed” un album thrash metal enormemente legato agli anni ’80 ’90 sia come ispirazione che come contenuti. Il trio, reduce come si accennava da numerosissimi cambi di line up (circa 12), offre nelle nove tracce realizzate un sound semplice e non troppo moderno ma con contenuti che tutto sommato fanno presa, visti anche i richiami a Slayer, Kreator e Venom, su ascoltatori più datati veri appassionati del thrash di un tempo. Andature prevalentemente in mid tempo, colme all’unisono di blast beat e chitarre affilate come lame, danno manforte per superare con un certo dinamismo la mezz’ora abbondante di ascolto senza privarsi anche di accelerazioni di tutto rispetto. Acerba l’apertura di “Power Abuse” dove i suoni rendono subito anche l’idea di cosa ci si aspetta per i successivi brani colmi di forza, dinamica, passione ed energia; anche “Paralysis” offre un lavoro di chitarra di tutto rispetto al pari anche di “The Tunnel” e della successiva “Explode” vera mina vagante dell’album proprio per l’intensità che la caratterizza; “Greed” con il suo rozzo riff d’apertura e un mid tempo antichizzato a dovere fanno tutto il resto al pari della conclusiva “Survival” tipica in apertura dei migliori Kreator di un tempo. Un disco sofferto per le vicende intercorse della band ma complessivamente feroce nei contenuti legati ad un indimenticabile passato.

Track by Track
  1. Power Abuse 75
  2. Nothing to Tell 70
  3. Paralysis 70
  4. The War They Feed 70
  5. The Tunnel 70
  6. Explode 75
  7. Greed 70
  8. Alienation (instrumental) S.V.
  9. Survival 75
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 65
  • Qualità Artwork: 75
  • Originalità: 70
  • Tecnica: 70
Giudizio Finale
72

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 03.04.2021. Articolo letto 342 volte.

 

Articoli Correlati

News
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.